ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

venerdì 20 gennaio 2012

Mercato Manfredonia: Ancora di Martedì, fino alla sentenza del TAR, primo round al comune

Rigettata l’istanza di sospensione del mercato settimanale del martedì che pertanto nei due prossimi martedì del 24 e 31 gennaio, si terrà regolarmente nella nuova area mercatale di Scaloria.
Lo ha decretato il presidente della seconda sezione del Tribunale amministrativo regionale per la Puglia respingendo l’istanza presentata dai commercianti ambulanti del nord barese e della provincia BAT che frequentano il mercato settimanale di Manfredonia, con la quale chiedevano, inaudita altera parte, l’annullamento previa sospensione dell’efficacia, della deliberazione del Consiglio comunale del Comune di Manfredonia n. 55 del 22.11.2011, pubblicata all’Albo pretorio dal 29.11.2011 ove rimaneva per quindici giorni consecutivi, recante lo spostamento della giornata del mercato settimanale dal mercoledì al martedì di ogni settimana.

La motivazione addotta dal presidente del Tar è “che non ricorrono i presupposti per la concessione dell’invocata tutela cautelare anticipata, non ravvisandosi l’estrema gravità ed urgenza di provvedersi nelle more della decisione” collegiale già fissata al 2 febbraio 2012”.
Si conclude in favore del Comune di Manfredonia il primo round del braccio di ferro instauratosi tra l’ente amministrativo della città di Manfredonia e i commercianti baresi del mercato settimanale di Manfredonia.
Mercato che da oltre trent’anni si è tenuto nel popoloso rione di Monticchio causando una serie di difficoltà e pericoli riguardanti la sicurezza, l’igiene e la sanità pubblica.
Di qui la decisione dell’amministrazione comunale di Manfredonia di trasferire il mercato in un’area appositamente attrezzata investendo oltre tre milioni di euro.

Avverso a tale provvedimento i commercianti presentavano ricorso al Tar tendente all’annullamento del provvedimento del Comune.
Il Tar ha fissato l’udienza di sospensiva al prossimo 2 febbraio.
Martedì scorso il mercato settimanale si è tenuto regolarmente con la diserzione dei commercianti baresi che si sono presentati però il giorno dopo ma evidentemente non hanno potuto tenere mercato.
Una delegazione dei commercianti è stata ricevuta in municipio dal sindaco Angelo Riccardi.
Nel corso dell’incontro alquanto cordiale, sono state esposte le rispettive ragioni del contendere.
Il sindaco dimostratosi disponibile a migliorare con la collaborazione degli stessi commercianti, la organizzazione del nuovo mercato.

A questo punto avviene quel che meno era da aspettarsi. Come un fulmine a ciel sereno è arrivata una istanza degli stessi commercianti presentata al presidente del Tar per la concessione, senza ascoltare le ragioni del Comune di Manfredonia, della sospensione anticipata della provvedimento comunale impugnato.
Il decreto del Tar – rileva il sindaco Angelo Riccardi sia pure in via provvisoria in attesa delle determinazioni del prossimo 2 febbraio, ha ristabilito l’ordine in una questione già di per sé chiara. 
Mi dispiace per i commercianti che hanno agito con poca correttezza quando era stata data loro la massima disponibilità a rivedere l’organizzazione del mercato”.

Ufficio Stampa e Comunicazione
Comune di Manfredonia

5 commenti:

Anonimo ha detto...

ma c'è 1 modo per noi cittadini di esprimere il nostro volere di far tornare il mercato il mercoledì?

Anonimo ha detto...

Si c'e',basta convincere i due ambulanti e il negoziante di Manfredonia che hanno deciso e stanno decidendo il tutto.Ecco basta convincere la triade e tutto il resto viene da se senza manco fare consigli,TAR e varie.

Anonimo ha detto...

non avete capito niente,con la morte del mercato arriverà anche la morte di Manfredonia,basti pensare che con il mare e il porto che avete i vostri politici fanno solo i loro interessi

Sipontina ha detto...

Rivoglio il mercato di MERCOLEDI'!!!
A chi mi dice che così, col martedì, si aiutamo i commercianti locali, tenendo fuori quelli della Bat, io rispondo che è proprio questo che mi fa incavolare, perchè è mio interesse avere PIU' CONCORRENZA e PREZZI MIGLIORI.
E poi ... Vi immaginate che, se per avvantaggiare i loro produttori locali gli Stranieri dicessero "Non vogliamo più il Parmigiano italiano o la pasta italiana"...
Chi ne avrebbe lo svantaggio maggiore? Sicuramente chi sa fare il proprio lavoro senza le barriere politiche ed anche, ma direi soprattutto, il CONSUMATORE di quel Paese che così si vedrebbe privato del diritto di scelta.
Ugualmente noi CONSUMATORI di MANFREDONIA vogliamo il DIRITTO di SCEGLIERE merce e prezzo migliore, che al mercato è garantito dalla concorrenza, ovvero (nel nostro caso)dalla presenza dei commercianti della Bat. Difendo loro sia per difendere me stessa consumatrice, sia per contrastare un PRINCIPIO LEGHISTA: "nel mercato di Manfredonia commercianti manfredoniani, negli uffici del Nord gente del Nord, nelle scuole padane insegnanti padani,..." Ma vi rendete conto che è lo stesso principio che state sostenendo!!! Come SIAMO MISERI se ciò che riteniamo VERGOGNOSO quando viene detto a noi, poi lo riteniamo "giusto" quando noi lo urliamo agli altri.

LIBERA CONCORRENZA in LIBERO MERCATO...DI MERCOLEDI' !!!!

Uma cittadina di Manfredonia

Anonimo ha detto...

UN’ EMERITA PORCHERIA !!!!
Ora che l’ho visitato, lo posso confermare…. UN’ EMERITA PORCHERIA !!!!
Il mercato che ci viene … offerto… il MARTEDì è… UN’ EMERITA PORCHERIA !!!!
POCHE bancarelle rispetto a prima, quindi POCA SCELTA.
QUALITA’ SCADENTE e a PREZZI NON CONVENIENTI.
Io consumatrice RIVOGLIO I COMMERCIANTI NON LOCALI !!!!! Di certo più convenienti.
E a quei POLITICI che mi hanno levato la possibilità di acquistare merce conveniente in un mercato dove REGNAVA la LIBERA CONCORRENZA, chiedo di venire allo scoperto, perchè devo sapere partito per partito, chi è stato favorevole a questa FREGATURA PER IL POPOLO; voglio sapere quale LEGHISTA NELL’ANIMO si nasconde sotto bandiere dal colore ROSSO o NERO…. Chi è convinto della linea politica “Razzista” ( ehm scusate volevo dire “localista”… c’è grande differenza …. ) che ha sottoscritto, sveli il VERDE MARCIO intriso di Padania che lo caratterizza… E se ha qualche parente che studia o lavora fuori Manfredonia lo richiami subito nella sua “Patria locale” perché nelle università, negli uffici, nelle fabbriche del Nord devono andarci solo i locali del Nord.!
Che ORRORE!!! Comunque l’importante è aver capito quali lupi si celavano dietro una zampa infarinata…. E’ nelle scelte del piccolo quotidiano che uno svela la propria essenza, non certo nelle roboanti promesse elettorali, né negli evanescenti principi ideologici di partito, dentro cui (sicuramente per caso come Schettino) sono caduti entrando in politica.
Una cittadina delusa.
Profondamente delusa

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.