ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

martedì 3 maggio 2011

Manfredonia: L'AMMI in un convegno sui Vizi e le Virtù dell'uomo moderno

L' AMMI, associazione mogli medici italiani, è un associazione non profit che nasce a Mantova nel 1970 ad opera di un gruppo di mogli dei medici, per attuare compiti sociali, culturali e assistenziali nei confronti delle donne.
Oggi l'AMMI persegue con molteplici e sempre piu' qualificate iniziative, nel rispetto degli scopi statutari, la finalità di fornire una corretta informazione su temi di attualità scientifica e socio- sanitaria rivolti alla popolazione, in particolare alle donne ai giovani.

A tale scopo, organizza seminari per le socie, iniziative rivolte al pubblico, concorsi letterari su tematiche attuali di rilievo, per il triennio delle scuole superiori. Collabora strettamente, oltre che con la classe medica, anche con altre associazioni che perseguono scopi analoghi.
La Sezione di Manfredonia annuncia una conferenza dibattito, organizzata con il patrocinio dell Ordine dei Medici di Foggia, nella giornata di giovedì 5 maggio 2011, presso l'Auditorium del Palazzo Celestini, a Manfredonia

VIZI E VIRTU’ per un nuovo alfabeto delle relazioni

Relatori
Prof. Michele Illiceto Docente di Filosofia Facoltà Teologica Pugliese di Bari
Prof. Paolo Cascavilla Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Manfredonia

Giovedì 5 maggio 2011 - ore 18.30
Auditorium Palazzo dei Celestini – Corso Manfredi

L’incontro proposto dall’AMMI , che vede come illustri relatori il prof. Illiceto e l’assessore alle politiche sociali , prof. Cascavilla, affronta come tema il problematico rapporto che l’uomo moderno ha con il mondo dei valori, con quelle che un tempo erano considerate le virtù, proponendo, di conseguenza, un profonda riflessione in merito ai vizi che alle virtù si oppongono.
L’incontro, fortemente voluto dall’ A.M.M.I. di Manfredonia, è scaturito dall’esigenza di fare chiarezza in quel mondo di valori, che sempre più spesso definiamo in crisi, e che bisogna invece riscoprire, dando vigore ai valori autentici di un tempo e cercare di introdurne di nuovi, magari in linea con le esigenze dell’uomo e soprattutto dei giovani del terzo millennio. 

Sembra che da parte di tutti si richiedano con urgenza nuovi parametri di riferimento e nuove certezze rispetto ad un contesto sociale e culturale che si muove con una velocità spaventosa, distruggendo quanto di buono esisteva, senza riuscire a sostituirlo con qualcos’altro, magari di diverso, ma che continui a fungere da guida, da orientamento. 
Questa mancanza, genera difficoltà nelle relazioni perché sembra venir meno un codice interpretativo comune di valori, che renda comprensibili e condivisibili determinate scelte di comportamento.
Da qui la necessità di un “nuovo alfabeto”, per scrivere il testo del vivere associati.
L’immagine che è stata scelta per la locandina che pubblicizza l’incontro, è “La danza” di Matisse, con la quale si è voluto rendere, da un lato il vorticoso e spensierato abbandonarsi dell’uomo all’ebbrezza del piacere, ma anche la necessità che ha l’uomo di danzare con i suoi simili, di riscoprirsi in unione con gli altri in una danza di comprensione e solidarietà.

La Presidente A.M.M.I.
Dott.ssa Michela d’Errico Alfieri

0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.