ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

mercoledì 25 maggio 2011

L'angolo dello Psicologo: Scacciare l'Ansia e lo Stress

Quante volte ci capita di dover affrontare una situazione che ci crea ansia e stress? 
Se dobbiamo parlare in pubblico, sostenere un esame, andare ad un appuntamento o ad una festa, ecc. come ci sentiamo? 
Bè, per molte persone, queste sono situazioni davvero difficili da superare ed il più delle volte, se non si riesce ad abbassare in qualche modo il livello di ansia, si tende a non affrontarle affatto (evitamento), magari trovando qualche scusa più o meno plausibile. Ma che cosa è l’ansia?

L’Ansia è una normale risposta del nostro organismo che contribuisce ad attivare ed allertare l’individuo quando si trova in situazioni di pericolo e/o nei casi in cui occorra un aumento dell’attenzione e dell’attivazione neurofisiologica (ad esempio prima di un esame).
In tal caso essa non è da considerarsi una reazione emotiva anomala in quanto risulta essere innata (fa parte della natura umana) e funzionale alla vita (permette di migliorare le prestazioni e di evitare i pericoli).
L’ansia è quindi generalmente un sistema di allerta utile alla persona, ma quando essa aumenta eccessivamente può diventare un problema reale e trasformarsi in una preoccupazione esagerata rispetto alla situazione che ci troviamo a fronteggiare.

Le principali manifestazioni dell’ansia sono: reazioni di fuga e di evitamento delle situazioni che provocano ansia, pensieri di tipo ansioso (farò una figuraccia, non sarò all’altezza, mi sentirò male, ecc.), intensa paura, incapacità di fare cose semplici, agitazione psicomotoria, spasmi, tensione muscolare, sudorazione profusa, respirazione veloce, sensazione di soffocamento, vertigini, sensazione di svenimento, battito cardiaco accelerato, aumento/diminuzione dell’appetito, blocco motorio, ecc.
Ansia e stress sono spesso correlati. Mentre, infatti, l’ansia è uno stato di attesa, in cui ci prepariamo ad affrontare una situazione potenzialmente minacciosa, lo stress è la nostra risposta ad una richiesta di risorse necessarie per affrontare quella situazione.
Se non provassimo stress non vi sarebbe alcuna possibilità per noi di adattarci alle varie
situazioni e quindi non vi sarebbe alcuna possibilità di crescita.

Oltre alla distinzione tra ansia/stress normale fisiologico e ansia/stress patologico, vi è anche una
distinzione tra stress positivo e stress negativo.
Si è soliti associare l’idea di stress a persone iperproduttive, ma in realtà anche l’inattività può
condurre ad uno stato di stress, che viene detto negativo.
I soggetti più vulnerabili allo stress negativo sono i pensionati e le persone insoddisfatte della
propria attività lavorativa e più in generale della propria vita. Lo stress negativo coincide con
uno stato di tristezza, frustrazione, irritabilità ed insonnia causati da un periodo prolungato di
forzata inattività.
Quindi, porsi obiettivi troppo ambiziosi può essere fonte di stress, ma anche non avere alcun
obiettivo nella vita, non avere alcuno scopo che dia un senso alla nostra esistenza.
Quando l’ansia e lo stress diventano un vero e proprio disturbo psicologico, si hanno delle gravi ripercussioni sulla qualità della vita, in quanto, si tende ad evitare le situazioni e le persone di cui si ha paura, e di conseguenza, si limita fortemente la vita privata e professionale.
Imparare a gestire l’ansia e lo stress è una delle capacità più indispensabili del nostro mondo moderno. Mantenere la calma e la concentrazione anche nel bel mezzo di una turbolenza è il segreto della salute e della longevità.

Cosa si può fare per non farsi sopraffare dall’ansia e dallo stress?

1. La prima cosa da fare è cercare di comprendere cosa ci sta accadendo, quali sono le preoccupazioni ricorrenti e valutare tutto ciò in modo obiettivo, come se ci si osservasse da fuori (magari scrivendo un diario giornaliero).
2. Fisiologia e stati emotivi sono strettamente correlati tra loro, tanto che al variare della prima variano i secondi e viceversa. 
Per attenuare uno stato d’ansia una cosa molto importante da fare è controllare la propria respirazione. 
Uno dei modi più semplici ed efficaci per recuperare la calma è fermarsi un attimo e respirare profondamente.

ESERCIZIO: LA RESPIRAZIONE PROFONDA:

Fai 10 respirazioni più volte al giorno al seguente ritmo: inspira contando fino a 4, trattieni il fiato per 2 secondi ed espira contando fino ad 8. 
Ora, ripensa alla sensazione di tensione e stress. 
Probabilmente si è attenuata. Ripeti la procedura fino a che tale sensazione negativa non è scomparsa completamente.
3. Comunicare positivamente con se stessi è un’altra possibile strategia di fronteggiamento dell’ansia e dello stress. 
Spesso le persone stressate utilizzano frequentemente la parola “problema”, a cui si aggiungono altre espressioni del tipo: “non ce la farò mai a fare tutto”, “sono troppo stressato”, “non ne va mai bene una”. 

Il linguaggio esercita un potere quasi magico sulla nostra psiche, tanto da condizionare il nostro stato emotivo. L’uso frequente della parola “problema”, ad esempio, non fa che aumentare il nostro livello di stress, ci fa sentire come ingabbiati dalla situazione, senza possibilità di uscita; è come se avessimo un macigno pesantissimo sulle nostre spalle o una spada di Damocle pronta a cadere sulla nostra testa. 
Il consiglio è: presta maggiore attenzione al tuo linguaggio, alle espressioni che usi; ad esempio sostituisci la parola “problema” con espressioni positive e certamente meno ansiogene come “sfida” o “situazione da risolvere”.
4. Mantenere il l’attenzione sul problema o sulle sue cause, piuttosto che concentrarsi sulla loro soluzione, è un altro modo per intensificare il nostro stato di tensione e stress. Il modo migliore per affrontare una situazione, senza farci travolgere da essa è mantenerci focalizzati sulla sua risoluzione, proiettandoci al futuro.

P.S.: Se avete dei quesiti da porre a Salvatore Panza, scrivete nell’area commenti, inviate un e-mail a info.siponto@gmail.com, o se preferite una comunicazione privata, inoltrateli direttamente alla casella di posta del Dottore
A cura del Dott. Salvatore PANZA 
PSICOLOGO - PSICOTERAPEUTA
Cognitivo Comportamentale in formazione
Specialista in EMDR/Esperto in Psicodiagnostica
Esperto in Ipnosi Clinica/Socio A.I.A.M.C.
Socio EMDR Italia
Cell. 340-2351130

0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.