ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

domenica 10 aprile 2011

Parco del Gargano: Pecorella "Lotteremo con tutte le nostre forze, contro le trivellazioni"

Convocazione urgente per martedì pomeriggio della Comunità del Parco presso la sede dell’Ente. E’ questa la prima contromisura adottata da Stefano Pecorella, Commissario Straordinario del Parco Nazionale del Gargano, contro la decisione di consentire l’inizio dei sondaggi per la ricerca degli idrocarburi a soli 30 km dall’Area Protetta delle Isole Tremiti. Dunque, l’Ente Parco alza immediatamente gli scudi e chiama a raccolta l’intero territorio per quella che si annuncia una responsabile battaglia di civiltà.

Egregi Signori, - scrive Pecorella nella missiva inviata ai 18 sindaci dei Comuni ricadenti nell’area Parco- come Voi sono stato sorpreso dalla notizia del parere favorevole espresso dal Comitato V.I.A. nazionale che è stato il presupposto per l’emanazione del decreto ministeriale, del 29 marzo scorso, di autorizzazione alla Petroceltic Elsa S.r.l. ad effettuare indagini, per la ricerca di idrocarburi, al largo delle coste della Regione Abruzzo e della Regione Molise e, quindi, nelle vicinanze dell’Area Marina Protetta delle Isole Tremiti”.
L’avvio di tale attività e la sua eventuale, non auspicata, futura espansione- prosegue il Commissario del Parco Nazionale del Gargano- fanno sorgere spontaneamente forti perplessità circa la possibilità di assicurare stabilità e prospettiva concreta al raggiungimento dell’obbiettivo di tutela ambientale delle nostre ancora splendide aree protette terrestri e marine. 
Profondiamo quotidianamente sforzi, nelle difficoltà finanziarie dei nostri enti, per la crescita della cultura della cura dell’ambiente e perché questa poi si tramuti in una migliore qualità della vita dei nostri cittadini e di fronte ad ogni pericolo, od anche presunto tale, è giusto e doveroso che ognuno possa far sentire la propria voce, democraticamente e nelle sedi opportune”.

Vi invito, quindi, - sottolinea Pecorella- data l’urgenza del caso, il giorno 12 aprile p.v. alle ore 17.00, presso la sede dell’Ente Parco Nazionale del Gargano per discutere ogni iniziativa utile, opportuna e necessaria per manifestare il nostro pensiero di Comunità del Parco riguardo le attività che saranno intraprese a seguito del citato decreto ministeriale. Confido nella Vostra sensibile ed importante partecipazione”.

Ma, il Commissario Pecorella, con il suo solito stile dedito più alla massima pragmaticità che alle tante chiacchiere urlate al vento, sin da subito si è attivato sulla questione trivellazioni alle Tremiti ed in merito, ha dichiarato pubblicamente quanto segue ai giornalisti intervenuti venerdì mattina all’Oasi Lago Salso per la presentazione del progetto Life:
“Nel decreto ci sono degli aspetti davvero preoccupanti soprattutto per quel che concerne il coinvolgimento degli Enti poiché la Provincia di Foggia, l’Ente Parco e la Regione Puglia non sono stati resi partecipi delle valutazioni ambientali relativamente a questo progetto. Chiederemo conto del perché di questo mancato coinvolgimento in questa importante e delicata questione che riguarda una pregiata riserva marina come quella delle Tremiti.
Nel frattempo – aggiungeva il Commissario – è necessario valutare all’unisono le contromisure da adottare anche per evitare le inutili strumentalizzazioni che non portano da nessuna parte.
Se il comitato VIA nazionale si è espresso in un determinato modo è nostro compito far valere le regione di questo territorio per contrapporci a quel decreto nelle modalità più opportune sia che esse siano legali sia attraverso democratiche e civili manifestazioni. 
Al momento le decisioni prese non soddisfano affatto gli interessi legati alla biodiversità. Lotteremo strenuamente con tutte le nostre forze fin quando non avremo fatto valere le ragioni di questo nostro territorio”.

Parco Nazionale del Gargano

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Pecorella è ancora in auge? Dopo tutte le batoste subite ha ancora la faccia tosta di parlare? Sparisci e lascia spazio ai giovani del tuo partito. Tu e Leone avete rovinato il centrodestra a Manfredonia e hai ancora il coraggio di parlare! Mah!

faiol pul in cul ha detto...

evviva il petrolio! si alle trivellaioni e alle piattaforme.
almeno in questo modo il nascente porto avrà senso.

di li almeno partiranno i rimorchiatori per ormeggiare le petroliere al porto industriale.

Anonimo ha detto...

poi chiameranno da Roma e ....

Champagne ha detto...

Finalmente il grandioso porto industriale potrà svolgere
i suoi compiti primari, evviva potremmo divenire la California del Sud se scopriamo il petrolio. I politici spesso non sono coerenti. Avete voluto la distruzione di Manfredonia per il progresso e i quanto mai fantomatici psoti di lavoro? Avete voluto l'inceneritore..ora beccamioci le trivellazioni!

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.