ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

giovedì 16 settembre 2010

Gatta: Ancora una volta le scelte di Vendola, penalizzano la capitanata

“La decisione dell’Assessore Godelli di tagliare drasticamente il contributo della Regione alla realizzazione di “AUREA”, ossia della Borsa del Turismo Religioso e delle Aree Protette che finora si era doverosamente tenuta in Capitanata, capitale assoluta di tale turismo, costituisce un pesante “vulnus” sia allo sviluppo del turismo pugliese in generale, come denunciato da Federalberghi che conosce più di ogni altro organismo le potenzialità di tale manifestazione, sia alla Capitanata in quanto tale, che il governo-Vendola in verità non ha mai smesso di discriminare.

Una decisione punitiva, quella dell’Assessore Godelli, che non vorrei fosse espressione dell’integralismo ideologico laicista ed anti-cattolico che egemonizza il Governo regionale, e che proprio in queste ore ha ricevuto una pesante censura da parte della Giustizia Amministrativa con riferimento all’obiezione di coscienza nei Consultori.
All’uopo ho presentato una interrogazione urgente e proporrò al prossimo Consiglio Regionale a tutti i Consiglieri della Capitanata la sottoscrizione bipartisan di un apposito ordine del giorno, con l’obiettivo di evitare che una manifestazione prestigiosa che finora si è rivelata un significativo investimento alla nostra Regione venga dirottata altrove, con grave danno per le nostre comunità e per mere ragioni ideologiche di parte di un Assessore che non lesina certo denari quando si tratta di sponsorizzare eventi ed organizzazioni politicamente “affini”, quasi sempre prive di ogni apprezzabile ritorno per il sistema-Puglia.” 

Gruppo Consiliare il Popolo della Libertà

4 commenti:

Barabba ha detto...

Titolo che si discosta molto dal comunicato originale, che bensì è contro l'Assessore Regionale Godelli!
Ogni scusa è buona per attaccare il Governatore Nichi Vendola, che riscontra in questi ultimi gg sempre più consensi....poi sinceramente i fondi per "La borsa di Studio Religioso" meglio destinarli ad altre attività molto più utile in tutti i sensi!

1 che ha bruciato la scheda elettorale ha detto...

Siete tutti uguali che differenza c'è tra voi
è il poeta cementificatore della scogliera sipontina?
Fate finta di azzannarvi ma siete una casta di privilegiati e cambiate partito ogni giorno peggio dei camaleonti. Una piccola riflessione, il suo superiore
diretto quello della casa di Montecarlo lo sanno anche i bambini che è diventato comunista, allora perchè lo attaccate, visto che la vostra nuova ideologia è di sinistra? Spazio ai giovani please.

Siete tutti uguali ha detto...

Ma questo politico che si vede nella foto che cosa è un velico o si fà le lampade, sembra il figlio di Ghedafi
x come è abbronzato.Si lamenta di vendola per la capitana
non sei contento che ha autorizzato il porto turistico per le vostre barche! Non sei contento delle tantissime
pale eoliche che ha messo in capitanata? Io detesto sia
voi di centro destra ( a parte il fatto che non si capisce di che partito siete) che quelli del centro sinistra. Rimane il fatto che il poeta cementificare
ha mostrato coraggio quando denunciò i nomi dei mafiosi
della capitanata, voi che cosa avete fatto con gli altri politici sipontini? Niente.

Crono ha detto...

vergogna gatta!l'assessore godelli ha illustrato le serie ragioni del no alla borsa del turismo, una borsa che non ha riscontro, che dovrebbe esser finanziata da privati quasi interamente...una borsa misconosciuta (altrimenti si sarebbe fatta sin dall'inizio a roma probabilmente) e provincialistica

gatta, tu lo sai bene....anche tu lo sai...ma per te ogni occasione è buona per sputare aria...pensa piuttosto a cosa non hai fatto al parco...

a chi dice che gatta non ha coraggio...vi sbagliate...ha ancora il coraggio di farsi vedere in giro!

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.