Cosa è l’Ipocondria

Ipocondria

Tutti in maniere diverse abbiamo il timore delle malattie; avrai certamente notato che se leggi di qualche malattia, dei sintomi e delle possibili malattie cui si possono riferire, in mente sorgerà in qualche modo il dubbio di avere la peggiore delle malattie possibili riferite in base ai sintomi che accusi. Chi ha il terrore delle malattie fino a condizionare la propria vita è un ipocondriaco

Il Disturbo d’ansia

Non tutte le persone che presentano disturbi d’ansia sono ipocondriache ma certamente tutti gli ipocondriaci hanno associato a questo problema uno stato d’ansia che può arrivare anche a sviluppare forme di depressione profonda.

Come definire l’Ipocondria, a questo punto? L’Ipocondria è una condizione psichica per la quale la persona interessata ha il costante timore di avere una malattia anche se tutte le evidenze scientifiche, le analisi e gli esami eseguiti ne smentiscono l’esistenza.

Questo costante timore pone la persona in una condizione che influisce nella vita quotidiana, fino a impedire le normali attività lavorative.

Chi colpisce l’ipocondria

Si può dire che l’ipocondria sia una malattia, una condizione psichica per la precisione, democratica in quanto può insorgere indifferentemente in qualunque persona di qualsiasi ceto sociale e condizione.

Si sa che anche diversi personaggi dello spettacolo, in maniera più o meno marcata ne soffrano. Si tratta di una situazione irrazionale, alcuni attori hanno notevoli difficoltà a girare scene in cui vi sia contatto fisico con l’attrice, a dare un bacio scenico, nel timore di prendere qualche malattia.

In qualche modo pare che anche il mitico Micheal Jackson ne soffrisse dormendo protetto da una tenda in plastica con un sistema di aerazione di aria purificata ma queste sono voci non ufficialmente confermate.

Sintomi

La persona ipocondriaca vive costantemente nell’angoscia e in uno stato di malessere generalizzato che incide sulla sua giornata.

Ogni minimo segno, un qualsiasi piccolo dolore, un colpo di tosse comunissimo viene correlato dalla persona che soffre di ipocondria ad una specifica malattia che si convince di avere, quasi sempre le peggiori malattie che comporterebbero un esito infausto.

Quasi sempre la condizione di ipocondria porta il paziente a rifiutare di fare indagini diagnostiche non tanto perché queste porterebbero a negare l’esistenza della malattia temuta ma, al contrario, per il terrore che gli esami possano confermare i suoi timori.

E’ tipico dell’ipocondriaco essere spesso ben informato su temi medici perché cerca sempre di approfondire la ricerca relativa ai sintomi e considerando maggiormente le peggiori malattie andando in cerca della conferma dei suoi timori.

L’ipocondriaco tende sempre a consultare molti medici nella convinzione che la negazione della malattia che ritiene di avere da parte di un medico sia un errore dello stesso e, nel terrore della malattia, cerca un medico che la riconosca e la curi.

Cause dell’ipocondria

Quasi sempre l’ipocondria viene scatenata da un fatto traumatico che può consistere in una reale malattia di una certa gravità sofferta dalla persona in passato, di un suo familiare, della morte improvvisa di una persona cara.

Le persone ipocondriache sono persone dalla personalità fragile e fatti traumatici come quelli riferiti possono fungere da innesco per il problema psichico di cui parliamo.

La Cura dell’ipocondria

La persona che soffre di ipocondria tende ad assumere compulsivamente ogni genere di farmaco che ritiene utile per la sua presunta malattia, esponendosi così agli effetti collaterali degli stessi farmaci nonché alla loro nocività in assenza delle patologie temute.

Non c’è purtroppo alcuna terapia medica per l’ipocondria ma l’intervento psicoterapico può sortire interessanti risultati.

Dato il carattere ansioso e depressivo che accompagna l’Ipocondria, la prescrizione di farmaci atti a contrastare queste condizioni può essere di aiuto nell’alleviare i sintomi ansiosi e migliorare la qualità di vita quotidiana della persona.

Utile anche occupare la mente in esercizi di rilassamento e nel dedicarsi a qualche Hobby gradito alla persona.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*