ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

sabato 14 luglio 2012

Manfredonia Calcio: Antonio Sdanga si Dimette

Il presidente dell’A.S.D. Manfredonia Calcio ha consegnato nelle mani del Sindaco della Città di Manfredonia, Angelo Riccardi, dopo il colloquio avvenuto nella giornata di ieri, le carte sociali e pertanto si è disimpegnato dallo svolgere la prestigiosa funzione di vertice all’interno del sodalizio calcistico, con la speranza che con tale gesto si possa arrivare ad una soluzione rapida, che dia quantomeno continuità al discorso iniziato un paio di anni fa dal presidente Antonio Sdanga
Sostanzialmente se il presidente, ormai ex, è arrivato a questa decisione e perchè in questi mesi non ha trovato nessun sostegno economico, non avendo più la forza di continuare da solo la gestione del football biancoazzurro. 

Pertanto Antonio Sdanga ringrazia: "l’Amministrazione Comunale, per l’assistenza amministrativa, tecnica ed economica prestata in questi due anni; lo sponsor della passata stagione per il sostegno economico fornito; tutti i collaboratori della compagine sipontina, i quali hanno manifestato la loro adesione al progetto, con sacrificio ed abnegazione, spesso andando oltre la propria sfera di competenza. 
Ed infine i tifosi che molto spesso, con sacrifici spesso assurdi e amari da sopportare, hanno manifestato il loro amore per i colori biancoazzurri."

2 commenti:

Anonimo ha detto...

nessun si ricordera' di un presidente con tante parole e pochi fatti...ci si ferma davanti a 10-20 mila euro...e siamo a categorie ridicole...

Anonimo ha detto...

ha aspettato che gli attivassero la promozione per sms gratis per informare i calciatori di essersi dimesso ...che non pagava i 3 stipendi arretrati...che non esisteva ancora l'iscrizione al campionato..tanto casino contro Troiano per poi come si dice a Manfredonia"ci cucinet kjen kjen"..da president loff

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.