ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

giovedì 3 maggio 2012

Polizia Foggia: Pagavano 600 euro per l'esame della patente, che poi non superavano

La Squadra Mobile della Questura di Foggia, interviene ancora una volta, per contrastare e reprimere il diffuso e deprecabile fenomeno legato al mercimonio per il conseguimento della patente di guida da parte di aspiranti candidati privatisti presso la locale MCTC, grazie all'intercessione di qualche millantatore, già noto alle forze dell'ordine, ovvero Melino Luigi di anni 31, coinvolto in vicende analoghe e principalmente nella nota operazione denominata "WALKY TALKY"
La vicenda prende la mosse dalla segnalazione da parte della stessa MCTC che, analizzando la documentazione che sei candidati avevano prodotto per sostenere l'esame teorico si era accorta dell'esibizione da parte dei sei candidati di certificato medico palesemente falso, in quanto proveniente da un'autorità sanitaria di fatto inesistente.

Gli immediati accertamenti da parte della locale Squadra Mobile, hanno consentito di appurare che alcuni candidati già "ripetenti", in quanto già in altre occasioni avevano tentato di superare la prova di esame, venivano avvicinati da Melino il quale, dietro versamento di danaro, prometteva la sua intercessione, grazie a sue conoscenze influenti presso la Motorizzazione, per il superamento dei quiz. 
Pare che il prezzo pattuito ...per illecita prestazione promessa si aggirasse intorno a 600 Euro che il candidato si obbligava a versare in due tranches: la prima alla stipula del ".contratto" e la seconda, il saldo, ovviamente prima della sessione d'esame. 
Lo stesso Melino si premurava di approntare anche tutta la documentazione da consegnare alla MCTC. 
Si mette però in evidenza che nonostante gli aspiranti conducenti "comprassero', l'aiuto, continuavano a non superare la prova d'esame.
Tutti i candidati coinvolti, oltre al Melino, sono stati deferiti all'A.G. in stato di libertà per concorso in uso di atto falso finalizzato alla truffa.

 Questura di Foggia

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Ora capisco ,perchè tanti giovani a Manfredonia,e non solo,guidano come guidano!Le autoscuole,sono note per quelle che aiutano e per quelle che non aiutano.Molti,anzi tanti,non sanno cosa è la destra e cosa è la sinistra.Non sanno parcheggiare in retromarcia e pensano di avere sempre la precedenza.Per parcheggiare hanno bisogno di una piazza.Parcheggiano in zone di divieto e vicino agli scivoli per disabili.Nei giorni scorsi,un paio di auto,avevano parcheggiato,sullo scivolo che porta alla spiaggia Castello.Evidentemente,poichè non c'è ,nessun divieto,hanno pensato bene che...fosse loro riservato.e poi .......ci sarebbero tante altre cose,ma lascio agli altri intervenire.

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.