ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

martedì 10 aprile 2012

Manfredonia: I 2 giorni del PD sulla scuola, scopri il concorso, e scarica il modulo di iscrizione

Conclusa positivamente la due giorni del PD dedicata alla Scuola Pubblica. Emerse proposte concrete dalla tavola rotonda di lunedì pomeriggio. Intanto, al via il concorso multimediale collegato all’iniziativa e dedicato agli studenti del triennio delle scuole superiori. 

“Alunni e docenti sono stati protagonisti dell'evento organizzato a Manfredonia dal PD di Capitanata” (in collaborazione con il Gruppo PD alla Provincia di Foggia). La sezione cittadina del Partito democratico ed i Giovani Democratici, hanno posto al centro dell'attenzione pubblica e degli addetti ai lavori il tema della scuola. Infatti, la mattina del 2 Aprile u.s., presso il L.U.C., oltre alla proiezione cinematografica intitolata “La scuola” (regia di Daniele Luchetti del 1995), c’è stata pure la presentazione dell'evento e del concorso riservato agli studenti del triennio delle scuole superiori. 

L'anteprima dell’evento c’è stata domenica 1 aprile, in piazza del Popolo, con i Giovani Democratici di Manfredonia, che hanno distribuito materiale informativo sulle proposte del PD in materia di scuola pubblica e sul concorso al quale possono iscriversi gli alunni delle classi terze, quarte e quinte degli istituti secondari di secondo grado, desiderosi di comunicare la propria visione di scuola ideale attraverso un elaborato (racconto breve, cortometraggio, fotografia, più info regolamento del concorso e modulo d’iscrizione andare al fondo pagina)

Nel pomeriggio del 2 Aprile,invece, ha avuto luogo la tavola rotonda, moderata dal giornalista Gianni di Bari, eccovi di seguito alcune battute salienti dei relatori presenti: “Tra la società civile e la politica non c'è un forte divario - ha dichiarato il segretario cittadino PD Dino Imperatore - ma ritengo un errore generalizzare. E' l'effetto di un ventennio di politica che ha rappresentato una società fatta di sovrastrutture più che di elementi strutturali, ma è tempo di ritrovare le modalità di una buona politica. Per riaprire questo rapporto, il nostro Partito ha pensato di attivare iniziative a livello provinciale sui vari temi di interesse per il territorio: la scelta caduta sulla scuola evidenzia quanto sia primario il valore della scuola per il PD”.

 In perfetta sintonia la senatrice Colomba Mongiello: “questo incontro - ha detto - è una vera occasione di confronto sul tema della scuola che è tra i temi esclusi dall'agenda politica e di governo di questo Paese. Il Governo Berlusconi ha destrutturato la scuola pubblica, il decreto Gelmini è stato devastante. Oggi, con questo Governo, è venuta fuori un'idea un po’ diversa di scuola e formazione. Ma non basta ancora, si deve continuare a lavorare per riportare la scuola al centro sia del dibattito politico che di quello interno alla società”.  

“L'istruzione deve riacquistare la funzione di vero ascensore sociale. Il nostro partito - ha detto Francesco Di Noia, segretario provinciale dei Giovani Democratici - forse pecca in comunicazione, ma facciamo un lavoro serio in Parlamento e a livello di territorio. La scuola deve tornare ad essere palestra in cui far crescere idee e in cui far crescere i cittadini del domani. La politica del fare non ha ragione senza la premessa del pensare: ecco la centralità della formazione”. 
Rita Rungetti, referente istruzione segreteria cittadina PD, nel suo articolato intervento si è soffermata anche sulle proposte del PD che puntano, tra l'altro, al ripristino del tempo pieno e del modulo. La stessa ha dichiarato che va difeso il principio della gratuità del diritto allo studio, e quindi, la scuola pubblica come valore costituzionale, garanzia dei diritti di cittadinanza per tutti, fondamento di democrazia del Paese e delle comunità. 

“Da tempo il PD - ha affermato il prof. Antonio Prencipe, capogruppo consiliare PD alla Provincia e responsabile Dipartimento istruzione PD provinciale - cerca di mettere la scuola al centro del ragionamento politico. Alcuni strumenti di partecipazione democratica non funzionano come dovrebbero: ci chiediamo perché? I ragazzi fanno quello che vogliono o si rifiutano di imparare: ci domandiamo per quale motivo? Dobbiamo riempire di nuovo le scuole, motivare i ragazzi, i docenti, i genitori. Si è parlato degli ITS, gli istituti tecnici superiori pensati per avvicinare il mondo della scuola a quello dell'impresa. In Puglia ce ne sono 3, in tutta Italia 50. Perché non crearne uno a Manfredonia, dove magari formare commissari di bordo o tecnici superiori per la mobilità sostenibile, visto che si sta costituendo il polo tecnologico con il raggruppamento del geometra, dell'industriale e del nautico. Potrebbe essere proprio questo il primo impegno del PD di Capitanata per ricostruire la scuola pubblica”. 

A conclusione dei lavori è emersa pertanto la necessità di una più stretta collaborazione tra politica, istituzioni, e soggetti attivi del mondo della scuola per riaffermare la centralità dei saperi e della conoscenza nella costruzione di una società più libera, consapevole e solidale. 

0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.