ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

mercoledì 11 aprile 2012

Contratto d'Area: Chiusura totale o temporanea per l'Imar? Anche la Beton in cassa integrazione...

Ci risiamo, delle pochissimi aziende del contratto d'area, o aria come direbbe qualcuno, rimaste nella zona industriale a sud dell'abitato, ormai sono più i capannoni vuoti ed abbandonati che quelli funzionanti, un altra da tempo in crisi, sembra che abbia abbandonato del tutto la produzione.
Stiamo parlando dell'Imar, azienda metalmeccanica che produce carpenteria metallica, da circa una settimana è chiusa e tutti i 51 dipendenti sono a casa in cassa integrazione straordinaria a tempo indeterminato, visto che l'azienda latita e non risponde alle richieste di incontro.

"Ad oggi, la situazione sociale è critica, chi lavorava fino a una settimana fà, non percepisce stipendio da gennaio, mentre chi stava a casa, in cassa integrazione, ha lo stesso problema, con l'aggravio  del mese di dicembre, visto che l'Inps non ancora provvede ai pagamenti.
I lavoratori, dopo una riunione con i 2 sindacati di rappresentanza Fim Cisl e Fiom CGIL, si sono rifiutati di continuare a lavorare Gratis, avendo superato il limite massimo dei tre mesi, che in caso di fallimento, sono recuperabili attraverso l'inps.
A questo punto l'azienda invece di pagare le spettanze, ha prima trasferito alcune commesse in altri stabilimenti e poi deciso di chiudere lo stabilimento, non si sa fino a quando.
Come già accaduto per l'Inside, abbiamo chiesto attraverso il nostro sindaco, nonchè responsabile unico del Contratto d'Area, un incontro, ad un tavolo allargato, con il Prefetto di Foggia e Assindustria, ma ad oggi l'azienda si nega e non risponde neanche alle continue telefonate del sindaco."

La tesi dell'RSU FIM Cisl Michele Iacoviello, che sposa la teoria, purtroppo, di un copione già visto, l'abbandono da parte dell'azienda, dello stabilimento di Manfredonia.
Intanto sul territorio la situazione si fà ancora più critica, un altra azienda sempre della stessa area, ha chiesto 13 settimane di Cassa Integrazione, la BETON Costruzioni, con circa 22 occupati, speriamo che sia solo una situazione di crisi momentanea e che presto torni a produrre i suoi manufatti in cemento...

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Tutto questo era preventivato fin dalla nascita del Contratto d'Area... Grazie agli amministratori locali ed ai governi che si sono succeduti... Concessi contributi a fondo perduto senza nessun controllo a imprenditori che avevano progettato di prendere i soldi ed allo scadere dei vincoli e delle agevolazioni sarebbere spariti o portato il tutto in altre nazioni per prendere altri soldi...

Anonimo ha detto...

il sindaco continua a dire che è un successo, ma dove vive costui?

Anonimo ha detto...

Se la "lunghissima fase del contratto d'area è finito", a cosa serve un Responsabile del Contratto D' Area? Il contratto d'area non era fine a se stesso (finiti i soldi finito tutto), doveva essere un seme che le istituzioni dovevano coltivare ,controllare e proteggere.
Ma se nella zona P.I.P non c'è acqua e fogna, e per avere uno svincolo si è dovuto attendere degli incidenti drammatici la colpa sarà di qualcuno, e non mi dite che la colpa è della CRISI

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.