ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

giovedì 1 marzo 2012

E' scomparso Lucio Dalla: Manfredonia piange

Oggi è venuto a mancare il cantante Lucio Dalla per un attacco cardiaco a Montreaux, in Svizzera, dove si trovava per una serie di concerti.
Il 4 marzo 2012 avrebbe compiuto 69 anni.
Legato a Manfredonia, la sua terra, non di nascita, qui i ricordi più belli legati all'infanzia, tra il porto e il famoso largo Boccolicchio, " A basch u culicch".

Recentemente è tornato nella sua Manfredonia, il 14 settembre 2011, da dove mancava da oltre 14 anni, per il concerto evento, dedicato al grande artista pugliese Matteo Salvatore, di seguito il link, http://www.sipontoblog.it/2011/09/manfredonia-grande-pubblico-per.html
Il tutto con una promessa strappata dal sindaco Angelo Riccardi di tornare nella "sua" città, per un mega concerto, con le sue più belle canzoni che hanno fatto la storia della musica in italia.
Peccatto che questa promessa non sarà mai mantenuta...
 
La mamma, Iole Melotti, sarta, era originaria di Manfredonia Bologna e alcuni sostengono che abitasse in via dell'Arcangelo accanto all'ex cinema Impero, vicino alla famosa gelateria Tommasino.
Sul sito ufficiale della Scuola media "Mozzillo Iaccarino" si legge "Si vuole pensare che illustri concittadini abbiano seduto in questi banchi: si dice anche Lucio Dalla".
E' certo che Lucio Dalla trascorreva le vacanze estive dai parenti a Manfredonia e che spesso frequentasse le Isole Tremiti dove la mamma aveva una casa che gli fu donata da una persona a cui aveva fatto lavori di sartoria.

Sempre rimasto legato alla nostra terra, nella quale ha passato l'adolescenza, promotore della manifestazione che lui stesso aveva chiamato "concertino", per la salvaguardia delle isole Tremiti nell'anno 2011.
Tempo fa ha dichiarato “Ormai sono diventato parte turistica di queste isole”, ha dichiarava il cantante. “E' frequentissimo che dal terrazzo della mia villa senta qualcuno urlare 'quella è la villa di Lucio Dalla'… a parte gli scherzi, sono qui per lavorare e riflettere. Questo è un ottimo posto."
Qui ho scritto ‘4 marzo 1943’ e le Tremiti sono diventate il mio epicentro creativo. In questo periodo ho molti progetti”(tratto da un intervista del 2002).

Ciao Lucio le tue canzoni rimarranno sempre nel nostro cuore...

Di seguito il video dell'ultimo concerto a Manfredonia il  14 settembre 2011, e alcune foto inedite, fatte in occasione della sua venuta sipontina!




20 commenti:

Anonimo ha detto...

GRANDE PERSONAGGIO

Anonimo ha detto...

ntitoliamo la piazza nuova al GRANDE Lucio DALLA

Anonimo ha detto...

lutto cittadino per lucio!!!

Anonimo ha detto...

vorrei precisare alcune inesattezze La mamma di Lucio non era di Manfredonia ,ma di Bologna ,veniva a Manfredonia dagli annni 40 ,forniva vestiti confezionati alle signore bene di Manfredonia , faceva le riparazioni sul luogo con sarte che portava con se to ,una di loro Renata sposoIl Rag Mario Mazzone e Lucio piccolino frequentava tanti ragazzini del posto ,parlava bene il dialetto di Manfredonia,Quando si fermava in citta abitava presso la pensione Pastore proprietari anche dell'ex ristorante Pastore ,la finestra affacciaal piano terra di via dell'Arcangelo difronte a Bianca Lancia

Anonimo ha detto...

Lascerà un vuoto che solo pochi come lui possono....

Anonimo ha detto...

Piazza Grande...........di Manfredonia

Anonimo ha detto...

Ho sentito e letto tante inesattezze sulla presenza di Lucio Dalla ragazzo a Manfredonia.Perfino Arbore alla Gruber ha affermato di ricordare che fosse figlio di una certa signora Ferrara,sarta(e questo è giusto)bolognese.Finalmente l'anonimo delle 20,18 ha messo ogni cosa al suo posto.Confermo tutte le informazioni che egli fornisce.Basta con le inutili,sciocche leggende... La figlia di una cliente della signora Melotti

Anonimo ha detto...

lucio dalla bravissimo cantautore e cantante rimarrà sempre nei nostri cuori.

Anonimo ha detto...

leggendario cantante ma secondo me era troppo piccolo e peloso per essere bolognese beh magari sbaglio, certo che non e' facile neanche risalire a dove era nato suo padre e neanch come si chiamava

Anonimo ha detto...

Manfredonia ha perso il suo figlio più illustre e più geniale!
Manfredonia, ora, è un po più triste!

Anonimo ha detto...

lucio sei sempre un grande

CAMPANARO ha detto...

Insomma la mamma era di MANFREDONIA ? Non e' possibile in quanto il cognome Melotti non ha riscontri a manfredonia !Wikipedia dice che era di Manfredeonia ). la madre era di Bologna ?Cosa ci faceva a Manfredonia ?
Bhoooo questo e' un mistero ! Il bimbo Dalla e' nato a Manfredonia ? C'e' un MISTERO ! CHI SA QUALCOSA DI PRECISO ?

CAMPANARO ha detto...

JOLE MELOTTI sarta ! Melotti e' un cognome emiliano ! NON E' UN COGNOME PUGLIESE. In Puglia e' presente attualmente solamente una famiglia Melotti ( a lecce ).

Anonimo ha detto...

Una persona semplice e umana che ha brillato in un mondo, quello artistico, sempre più caratterizzato da personaggi ''Superiori, Importanti e Antipatici'' ....cia LUCIO E GRAZIE. 4 marzo

Anonimo ha detto...

Si, infatti. Wikipedia dice che la madre ha origini pugliesi.

Anonimo ha detto...

Comunque Lucio mancava da 14 anni a Manfredonia in visita pubblica, perchè in forma privata lo abbiamo incontrato alcuni anni fa che si aggirava per Siponto con la sua Porsche, e lo abbiamo scortato fino al ristorante da Franco perchè non sapeva la strada verso Mattinata. E dopo qualche giorno ci ha anche salutato e mandato un grazie da "Vota La Voce"

Anonimo ha detto...

Mi sembra strano che nessuno dei coetanei di Dalla ricordi la sua presenza e le sue origini, tenuto conto che Manfredonia di quegli anni non era poi tanto grande e ci si doveva per forza conoscere un po' tutti.. Nessuno è in grado di fornire notizie più precise?

claudia ha detto...

Posso dirvi che i miei cognati che sono di Manfredonia ed erano i nipoti del Mazzone che sposo' Renata erano amici della Melotti e di Lucio e da piccoli giocavano insieme.Quando Lucio era piu' grande la Melotti faceva sfilate di moda anche a Roma, Bologna e in Puglia e vi assicuro che era molto brava e molto simpatica.

Anonimo ha detto...

Sono una carissima amica d'infanzia di Lucio .Passavamo l'estate intera a divertirci al mare e poi la sera "lo struscio" su corso Manfredi.Veniva allo stabilimento TITTA(molto amico dei figli della proprietaria Carlo e Peppino) per stare con me e le mie sorelle e con mio fratello per le gare di tuffi.Aveva una bicicletta argentata che io gli rubavo ed una camicetta a stampa "giornale" che all'epoca era davvero una novità (la mamma Iole era una stilista non una semplice sartina!).Lucio per qualche anno ha frequentato college svizzeri e già da piccolo (6/7 anni) partecipava a spettacoli suonando la fisarmonica.Io l'ho conosciuto bene e frequentato fino ai suoi 15/16 anni a Manfredonia e poi l'ho incontrato successivamente a distanza di anni molte volte e l'amicizia ,vi garantisco, era sempre la stessa della nostra infanzia. Non vi ho detto che non sono di Manfredonia(dove mi trasferivo per quattro mesi in vacanza con la mia famiglia) ma di un'altra città e che con Lucio e tanti "amichetti" ci siamo divertiti un mondo! Lucio era molto carino e simpatico. L'ho apprezzato moltissimo come artista ma io lo ricordo solo come il mio caro amico d'infanzia e adolescenza. Con affetto ...impossibile firmarmi lui sa chi sono

Anonimo ha detto...

e se fosse nato a Manfredonia e poi adottato dalla signora Jole Melotti in Dalla? La signora Jole nel 1943 aveva 42 anni...oggi fare il primo figlio a quell'eta' è piu normale ma a quell'epoca si era già attempatissime e se un figlio non era arrivato prima di 42 anni vuol dire che forse non ne poteva avere...altrimenti perchè Lucio stampa sulla copertina del suo primo disco di successo, sotto la data della sua nascita, invece del panorama di Bologna, dove risulta registrato alla nascita, il panorama di Manfredonia???Chi sa rispondere? Si dice che il padre naturale fosse di Monte e la madre di Manfredonia...poi fu adottato da Jole?

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.