ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

venerdì 23 marzo 2012

Carnevale 2012: I Vincitori del Concorso Fotografico, in mostra nel chiostro di Palazzo San Domenico

Nel pomeriggio di Sabato 17 Marzo, nel chiostro di Palazzo San Domenico a Manfredonia, si è inaugurata la mostra fotografica di tutti gli scatti giunti per il concorso fotografico della 59ma edizione del Carnevale Dauno di Manfredonia. 
Come già annunciato nel lancio del concorso ad inizio Febbraio, per l’edizione 2012 il Comitato ha ritenuto opportuno affidare la gestione e la valutazione ad esperti del settore. 
La presidente, dott.ssa Filomena Rignanese, ha cosi commentato l’iniziativa all’interno della serata inaugurale: “E’ un momento bello, culturale importante, da offrire alla città, se pur a distanza dai giorni di Carnevale. 
La foto è un momento,un atto, prezioso, capace di donare ai posteri, nel tempo di sentimenti e gli avvenimenti. Il concorso fotografico è una pietra miliare del Carnevale, e mai come quest’anno poteva esser organizzato al meglio con la professionalità e la passione degli amici di Manfredonia Fotografica, a cui va tutto il mio ringraziamento e quello del Comitato”

Nella serata sono stati premiati i 3 classificati vincitori del concorso.

La prima opera, la vinicitrice, porta il nome di “Carnevale per tutti”, uno scatto di Alessio Murgo, che lascia emergere una serie di contrasti: dal sacro al profano, dal colore all’assenza di colore, dal movimento alla staticità, dall’età giovanile all’età senile. 

Le altre opere vincitrici sono: 
2 “Shopping mortale” di Carmen Brasiliano 
3 “Coriandoli di” di Alessandro Catanese 

La mostra sarà aperta al pubblico, presso il chiostro di Palazzo San Domenico sino a Vanerdì 23 Marzo. 

Arena Massimiliano
Ufficio Stampa e Comunicazione 
59ma Edizione Carnevale Dauno di Manfredonia

0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.