ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

martedì 7 febbraio 2012

Manfredonia: Avis-Guardia Costiera, una speranza per chi soffre, una certezza per chi si trova in mare

Si è svolto nella giornata di Giovedì 2 Febbraio, presso la sede della Capitaneria Porto Guardia Costiera di Manfredonia, la cerimonia di consegna del Labaro AVIS.
Sono intervenuti il Presidente dell’AVIS Domenico Palmieri ed il Capitano di Fregata (CP) Francesco Staiano attualmente al comando della Guardia Costiera Sipontina.
Durante la cerimonia, è stato consegnato il vessillo AVIS alla Capitaneria di Porto, come riconoscimento per l’impegno profuso nella salvaguardia della vita in mare, ed in campo sociale anche attraverso un cospicuo numero di donazioni di sangue effettuate durante l’ultimo anno dal personale di Capitaneria.

Presenti alla manifestazione anche il Tenente di Vascello (CP) Francesco Cillo, ed il Funzionario statistico della Capitaneria di Porto Mauro Lagattolla, già pluridonatore AVIS.
Diverse le dichiarazioni di stima tra i convenuti, che pur essendo operosi in ambiti lavorativi diversi certamente rivolgono i loro sforzi verso il prossimo.
L’AVIS è una speranza per chi soffre, Dice il Comandante Staiano, e la Guardia Costiera è una certezza per chi si trova in difficoltà in mare, poi aggiunge che la Capitaneria di Porto è un organo preposto, oltre che al controllo delle aree marine e demaniali, soprattutto alla prevenzione ed al salvataggio di vite umane in mare.

La manifestazione si conclude con la consegna ai rappresentanti dell’AVIS del Crest della Guardia Costiera.
Ciò che ci è sembrato caratterizzare queste persone è stata certamente la voglia di aiutare chi soffre o si trova in una situazione difficile.
E certamente noi non possiamo che augurare a tutti Buon Lavoro

Maurizio Guerra

0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.