ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

martedì 24 gennaio 2012

Mercato Manfredonia: Ambulanti Baresi, domani nella nuova area?! Il comune, "Oggi più affluenza"

Oggi un altro grande Flop. Gli ambulanti delle Province di Bari e Bat disertano il mercato.
I pochissimi ambulanti locali che hanno aperto e i consumatori sono molto contrariati dalle decisioni dell'Amministrazione Comunale.
I Cittadini solidarizzano con la battaglia sindacale, legale e di civiltà degli Ambulanti in Stato di Agitazione.
Durante l'Assemblea Generale di ieri 23 gennaio ad Andria, gli oltre duecentocinquanta Ambulanti presenti hanno deciso di recarsi a Manfredonia domani mercoledì 25 gennaio 2012 per andare con le attrezzature di vendita sui nuovi posteggi nel nuovo mercato e verificare la reale possibilità di poter esercitare l'attività su quell'area, sempre il mercoledì.

Una decisione di responsabilità saggia e condivisibile a sostegno di una battaglia giusta e combattuta con gli strumenti della legalità e della correttezza istituzionale.
Senza l'ausilio né l'aiuto di alcun politico né di alcuna forza politica, senza dare a nessuno la possibilità di strumentalizzare, gli Ambulanti e i loro sindacalisti stanno dimostrando una grandissima forza d'animo e compattezza.
Questo è un elemento impareggiabile in un momento storico di gravissima crisi economica e delle Imprese e dei lavoratori.
Ci dispiace dover leggere affermazioni totalmente disgiunte dalla realtà e fortemente lesive della dignità dei manifestanti e degli imprenditori.

Gli ambulanti del mercato di Manfredonia, ancora oggi, sono in possesso di regolari autorizzazioni amministrative per il commercio su aree pubbliche, rilasciate dal Comune di Manfredonia, che li autorizza ad occupare il posteggio nel mercato del mercoledì, in attesa delle variazioni da apportare sul titolo da parte del competente ufficio comunale.
Ringraziamo tutti gli Organi di Informazione, on-line. della carta stampa e televisivi che si stanno ancora occupando di questa gravissima situazione che potrebbe sfociare in ulteriori conflitti sociali mentre non biasimiamo coloro che hanno scelto di non occuparsi, o di non farlo nei giusti termini, del singolare "caso Manfredonia".
Evidentemente obbediscono ad altre logiche che non comprendiamo ma che non osiamo mettere in discussione. Per fortuna esistono gli specchi e gli occhi.
Grazie.

COORDINAMENTO STATO DI AGITAZIONE MERCATO DI MANFREDONIA INDETTO DA TUTTE E ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA DEL COMMERCIO AMBULANTE DELLE PROVINCE DI BARI E DELLA BAT


Secondo ricorso dei commercianti del barese al TAR di Puglia contro il mercato settimanale e secondo rigetto dello stesso.
Il primo era stato presentato tre giorni avanti e si chiedeva al TAR di sospendere la delibera del Consiglio comunale del Comune di Manfredonia con la quale si decideva di spostare il mercato settimanale dalle strade del rione Monticchio della città, all’area mercatale di Scaloria opportunamente predisposta e attrezzata a norma di legge per ospitare il mercato.
Il ricorso presentato, inaudita altera parte, è stato rigettato dal presidente delle seconda sezione del TAR di Bari, Sabato Guadagno, “non ricorrendo i presupposti”.
Gli stessi commercianti del primo ricorso, non evidentemente soddisfatti, ne hanno presentato un secondo contenente sostanzialmente le medesime richieste.

Ricordando che “questo Tribunale si è già pronunciato con decreto presidenziale n. 56 in data 19 gennaio 2012, rigettando la precedente richiesta di misure cautelari monocratiche”, e vista la nuova istanza di misura cautelari monocratiche, nonché la memoria difensiva del’intimato Comune di Manfredonia, “considerata l’irritualità della nuova istanza, che non fa alcuna menzione del precedente decreto presidenziale 56/20212, considerato che, a prescindere dalla suddetta irritualità, non ricorrono comunque i presupposti per l’accoglimento di tale seconda istanza e che va quindi confermato il diniego dell’invocata tutela cautelare anticipata, non ravvisandosi né circostanze nuove né l’estrema gravità ed urgenza di provvedervi nelle more della decisione Collegiale” fissata, come noto, per il 2 febbraio prossimo.
Fin qui le schermaglie giudiziarie che dando torto ai commercianti baresi sula nuova impostazione del mercato settimanale rispondete a standard più razionali e avanzati del settore, hanno confermato le scelte dell’amministrazione comunale che per la verità ha manifestato la piena disponibilità a migliorare l’organizzazione di un servizio del quale usufruisce non solo Manfredonia ma tanti centri viciniori.

La dimostrazione della giustezza della strada imboccata dall’amministrazione comunale, viene da Scaloria.
Al secondo martedì di mercato si è avuta una maggiore affluenza in termini di commercianti espositori e di gente che si è recata a comprare.
Sono alquanto soddisfatto – rileva l’assessore all’annona Antonio Angelillis dopo un sopralluogo a Scaloria – di come vanno le cose nella nuova sede del mercato. Rispetto a martedì scorso registriamo un aumento tanto dei commercianti quanto della gente. 
Entrambi hanno espresso la loro soddisfazione: gli espositori si sono sistemati negli stalli loro riservati che consentono un più funzionale movimento; la gente per l’ordine, gli spazi più ampi nei quali si possono muovere, per i parcheggi disponibili, per il deflusso ordinato. 
Martedì prossimo andrà ancora meglio”.

Ufficio Stampa e Comunicazione
Comune di Manfredonia

15 commenti:

Anonimo ha detto...

I politici possono dire e fare quello che vogliono,purtroppo,ma la vera voce e' il popolo.Qualsiasi sia la decisione del TAR mai nessun politico e mai nessun commerciante manfredoniano avra' mai il probleme di arrivare a fine mese.Ieri un ambulante manfredoniano sghignazzava ed era felicissimo per la carenza carburante perche': voglio vedere se la gente andra' anche ora fuori a fare compere,ora si devono "piegare" o in negozio o al martedi o ancora meglio al mercatino.Avevo voglia di prenderlo a pugni,si sentiva protetto dalla triade politica cittadina e potente.Bravo sindaco.

Anonimo ha detto...

Ora oramai lo sappiamo tutti,abbiamo aperto gli occhi.Io,anzi noi,manfredoniani non riusciamo a capire per quale motivo il sindaco si ostina cosi' tanto ad avvantaggiare i commercianti locali a discapito dei cittadini.UANM! E quanto valgono questi commercianti locali?Noi comunque non spendiamo un cent fino a che non arrivano i bat a fare concorrenza leale e poi vedremo se bat o locali.O avete paura della concorrenza?Grazie sindaco,come sempre impareggiabile.

Anonimo ha detto...

Il Sindaco e tutta l'amministrazione ignorano che la questione del mercato ( spostamento di luogo e di data)si risolverà in un danno anche per i commercianti del posto e non solo per gli ambulanti. Chi, come me, veniva dai paesi limitrofi, quando non trovava quello che cercava al mercato, andava nei negozi di Manfredonia; ora non lo potrà più fare, perché l'ubicazione del mercato, irraggiungibile con i mezzi di trasporto pubblici,renderà arduo l'accesso al mercato stesso e allungherà i tempi della permanenza a Manfredonia, che non tutti possono permettersi.Se volevate tenerci lontani dal vostro paese, ci siete riusciti!Bravo, sindaco!

Anonimo ha detto...

Il Sindaco e tutta l'amministrazione ignorano che la questione del mercato ( spostamento di luogo e di data)si risolverà in un danno anche per i commercianti del posto e non solo per gli ambulanti. Chi, come me, veniva dai paesi limitrofi, quando non trovava quello che cercava al mercato, andava nei negozi di Manfredonia; ora non lo potrà più fare, perché l'ubicazione del mercato, irraggiungibile con i mezzi di trasporto pubblici,renderà arduo l'accesso al mercato stesso e allungherà i tempi della permanenza a Manfredonia, che non tutti possono permettersi.Se volevate tenerci lontani dal vostro paese, ci siete riusciti!Bravo, sindaco!

Anonimo ha detto...

A quale sito si riferirà che non si occupa della vicenda? Sicuramente TELERADIOERRE, che si occupa solo di notizie comode a quei comuni, il cui sindaco è stato eletto, vedi Manfredonia e Zapponeta.
E' difficile trovare informazione seria ed è strano che per paradosso lo faccia questo sito, tra l'altro gestito da due non giornalisti.
O meglio, uno, visto che ormai Mauro non esiste +, e si sarà fatto comprare da qualcuno e tutti sanno chi!

Anonimo ha detto...

l' esistenza del mercato non deve finire... tutto dipenderà da noi! come possiamo acquistare l' abbigliamento in negozio che lo paghiamo il triplo mentre al mercato le stesse cose le acquistiamo a un prezzo accessibile? forza baresi venite!!! lasceteli perdere i negozianti e il sindaco altrimenti gli darete vinta!

Mauro ha detto...

Anonimo delle 17.55, sono curioso, da chi mi sono fatto comprare non lo so neppure io!?

Anonimo ha detto...

caro Mauro, sai benissimo di chi, se ne parla in giro ormai, hai lasciato sipontoblog,ormai fa tutto sto Marco, perchè lo sai tu, ora fai 10 post in un anno e sono generoso, argomenti: cavolate.

Mauro ha detto...

Esci fuori dall'anonimato e dimostra quello che dici, altrimenti restano chiacchiere da bar!

michele ha detto...

il mercado si deve fare il martedi by michele

teofilo ha detto...

Vogliamo il mercato al mercoledì! Azzo!!!

Anonimo ha detto...

Ma che affluenza!!! Non c'era un'anima viva!!!!

Anonimo ha detto...

UNA CITTA 'allo sbando!Ci voleva solo la situazione economica a creare ulteriori problemi.La classe politica,con i suoi accoliti,ha spolpato tutto quello che c'era e probabilmente si spolperanno anche l'osso!Hanno scoperto l'acqua calda,ossia che molti commercianti locali,eccetto ,forse un paio di fuori,non erano in regola.Da quanto tempo si sapeva di questa situazione?Da quanto tempo non si facevano i controlli o meglio i controlli ai CONTROLLORI?Forse l'attuale Amministrazione,se da un lato ha avuto la forza di far spostare il mercato e diciamocelo chiaro e tondo,quella situazione non poteva più reggere,come non può reggere quella dei due mercati rionali,dall'altro questa Amministrezione si stà mostrando lesiva degli interessi di chi l'ha eletta e non di una corporazione che spande e spende a go-gò,incurante di chi non ce la fà ad andare avanti.QUESTO VOGLIONO I NOSTRI AMMINISTRATORI?QUESTI SONO GLI ELETTI DEL POPOLO?Penso che tutto ha un limite di sopportazione!Cosa ne pensa la CHIESA ed i suoi rappresentanti ,in consiglio comunale ,DI QUESTI POVERI NOSTRI FRATELLI?Lo continuerò a chiedere sino a quando non ci sarà una risposta,spero non vendicativa,nei confronti dello scrivente.Incomincio ad aver i miei dubbi,circa l'anonimato dei commenti!Purtroppo non siamo liberi e tanti segnali lo dimostrano,sperando che siano solo coincidenze.Ed a proposito di questa nostra città , della sua economia e dei suoi lacchè,una MANIFESTAZIONE come il CARNEVALE,per anni è stata affidata a persone che ,anzichè renderla fonte di guadagno per una intera città o almeno per una buona parte di essa,è DIVENTATA una MANIFESTAZIONE per le tasche di pochi e poi si pretende di propinerla come manifestazione di interesse regionale.Ma vogliamo,continuare,a prenderci in giro?Soldi non ce ne sono!Bene!Rinbocchiamoci le maniche,non all'ultimo momento e vediamo cosa è possibile fare!C'è gente capace e meritevole per fare i carri ed i gruppi!NOMI e COGNOMI noti a tutti e non i pingo pallini della politica!Dal suo nascere,nelle forme attuali,il nostro Carnevale ,aveva tutte le carte in regola per crescere,invece abbiamo mandato fuori, dalla nostra città, persone che dal nulla hanno creato manifestazioni di interesse internazionale(Vedi VERONA E BERGAMO!).MEGLIO LA MEDIOCRITA',CI SI GUAZZA MEGLIO!Unica via di sbocco a questo tunnel e la rovina totale,altro che SACCO DEI TURCHI!PROVVEDETE,provvedete,provvedete!

Anonimo ha detto...

cera sl tantissimo vento e basta.............

Anonimo ha detto...

una vera schifezzzzzzzzzzzzzzzzzzzza

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.