ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

lunedì 23 gennaio 2012

Volley Manfredonia: Contro il Terlizzi, una vittoria sofferta, ma voluta a tutti i costi

Anche dalla trasferta di Terlizzi l’Euroambiente Manfredonia torna a casa con i tre punti. 
Sette volte le sipontine hanno giocato fuori casa in questa prima parte di campionato e sette volte hanno fatto propria l’intera posta in palio.
Il palazzetto terlizzese negli ultimi due anni non aveva portato bene alla squadra bianco-azzurra, che ci aveva perso quattro volte su quattro (due, quelle più importanti, a cavallo fra maggio e giugno 2011 nella semifinale playoff dello scorso torneo). 
Ieri, però, le ragazze di mister Delli Carri hanno saputo sfatare il tabù del PalaChicoli e lo hanno fatto con una prova di carattere. 

In campo con Valentina Petrova in cabina di regia, Valeria Brattoli opposta (partita speciale per lei, che è nata e vive a Terlizzi, oltre ad aver militato per anni nella squadra della sua città), Loredana Montenegro e Katia Patetta in banda, Maria Grazia Maffei e Mariangela Di Reda al centro, Lucia Fusilli libero, l’Euroambiente Manfredonia perde un combattutissimo primo set per 27-25, anche a causa del secondo arbitro che commette due grossolani errori di valutazione nel finale. 
La partenza ad handicap però non scoraggia le sipontine, che già due volte in questa stagione sono riuscite a vincere un match nel quale avevano perso la prima frazione (nella partita a Corato e in quella casalinga contro il Modugno). 

Il Terlizzi, sospinto dal proprio pubblico e galvanizzato dal set vinto, continua a giocare una buona pallavolo anche nella seconda frazione di gioco. 
Il Manfredonia, che sostituisce la Maffei con Raffaella Papagno, però non molla, stringe i denti e fa valere il maggior tasso tecnico, conquistando un equilibrato secondo set col punteggio di 22-25.
Nonostante le precarie condizioni di salute di qualche atleta, nella terza frazione l’Euroambiente cambia marcia, giocando con personalità e sfoderando un’ottima prestazione in tutti i fondamentali. 
Il punteggio finale, 13-25, la dice tutta sull’intensità di gioco delle bianco-azzurre e sulle difficoltà della squadra di casa ad arginare gli attacchi di Montenegro & Co. 

Nel quarto set, le terlizzesi tengono il campo con maggiore concentrazione nell’intento di portare l’incontro al tie-break, ma il Manfredonia non ci sta a lasciare punti per strada e chiude il match con un tirato 22-25, spegnendo le velleità di rimonta delle ragazze di Dino Fiorella e mettendo fine al pericoloso teatrino che il secondo arbitro avrebbe continuato volentieri anche nel quinto set.
Al termine della partita, queste le parole di Lucia Fusilli (“the Wall” o “l’8 volante”, per i supporter sipontini): “È stata una vittoria sofferta ma voluta a tutti i costi, in un palazzetto che non sempre ci ha viste protagoniste. 
Siamo quindi soddisfatte di questi tre punti conquistati, che ci permettono di chiudere la prima fase del campionato ancora seconde, a un solo punto dalla vetta. 
Ora ci aspetta un girone di ritorno impegnativo e siamo pronte ad affrontarlo con una maggiore determinazione e concentrazione, per far sì che l'obiettivo che ci siamo prefissate a inizio stagione possa essere raggiunto”. 

Le fa eco coach Delli Carri: “Al termine dell’ultima di andata posso ritenermi soddisfatto della prova disputata, ma soprattutto dei punti presi. 
Non siamo al massimo della forma fisica perché stiamo caricando nel lavoro in palestra, in virtù del lungo periodo che ci attende senza soste fino, incrociamo le dita, ai play off”.
Il prossimo avversario per l’Euroambiente Manfredonia sarà il Locorotondo, penultimo in classifica e già battuto a domicilio in tre set.

A.S.D. Supermercati Anna Pallavolo Femminile Terlizzi-A.S.D. Euroambiente Volley Manfredonia 1-3 (27-25/22-25/13-25/22-25)

Michelangelo Ciuffreda
Responsabile ufficio stampa
A.S.D. Volley Euroambiente Manfredonia

0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.