ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

sabato 28 gennaio 2012

Manfredonia: ApI Giovani, nell'ex mattatoio, una zona per la raccolta di documentazione, sullo Shoah

Il 27 c.m. anche Manfredonia ha celebrato il “Giorno della Memoria” ricorrenza istituita con la legge n. 211 del 20 luglio 2000 dal Parlamento Italiano.
Per tale ricorrenza l’amministrazione comunale ha affisso sui muri della città “Per non dimenticare lo sterminio” (manifesto suggestivo e ben fatto).
Noi di ApI Giovani abbiamo discusso sull’argomento e ne è nata una proposta che sottoponiamo al Sindaco, alla Giunta, al Consiglio Comunale e alla città tutta. 
Nell’ambito del progetto di recupero dell’area ex mattatoio, che fu sede del campo di concentramento di Manfredonia, sarà intitolata una stanza alla Memoria della Shoah
Noi, invece, proponiamo di mettere a disposizione una stanzetta un angolino una piccola zona per la raccolta di documentazione, oggetti, fotografie, ritagli di giornali, vestiari, qualsiasi cosa che ricordi quel periodo, recuperati con richiesta a quanti ebbero e/o loro parenti, eredi ed amici (manfredoniani e non) la sventura di essere rinchiusi nel campo di Concentramento di Manfredonia e/o negli altri campi sparsi per tutta l’Europa. 

L’iniziativa è volta a ritualizzare e vivificare il messaggio, riannodando la memoria storica dello sterminio nazifascista alla memoria collettiva del presente.
Lo dobbiamo, la memoria di quanto è successo dovrà essere sempre viva e le nuove generazioni devono sapere per non dimenticare.
Aspettiamo, pertanto, i vs. pareri sulla nostra iniziativa, pareri che, se positivi, saranno di grande sprono per noi di ApI Giovani.

Per ogni commento, suggerimento o parere potete scrivere una mail ad apigiovanimanfredonia@yahoo.it oppure chiamare al num. 340/5447373

Antonio Barbone
Coordinatore ApI Giovani Manfredonia


0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.