ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

venerdì 30 dicembre 2011

Gatta: Aumentare il contributo, per le scuole dell’infanzia, altrimenti graverà sulle famiglie

Consapevole dell’importanza e del ruolo svolto dalle scuole dell’infanzia paritarie, che in Puglia sono ben 582 e rappresentano il 30% circa dell’offerta formativa per i bambini dai due anni e mezzo ai sei anni, con oltre 4.000 occupati, nella seduta di approvazione del bilancio di previsione per il 2012 ho proposto, tra gli altri, un emendamento che prevedeva l’implementazione della dotazione finanziaria in favore delle suddette scuole, per le quali negli ultimi anni il contributo regionale di gestione si è ridotto sempre più, passando da € 1.400,00 a sezione nel 2010, ad € 1.100,00 nel 2011, fino a giungere ad € 700,00 nel bilancio per il 2012.

E’ evidente che tale progressiva, ingiustificata, riduzione di risorse per le scuole paritarie dell’infanzia comporterebbe un aggravio delle rette di frequenza, con un insostenibile peso per le famiglie meno abbienti, che sarebbero private, di fatto, del diritto di fare frequentare la scuola dell’infanzia ai loro bambini, o un licenziamento di diversi operatori del settore, incrementando così le sacche di disoccupati di cui è drammaticamente satura la nostra regione.
Il mio emendamento, finalizzato a prevedere un contributo di 3 milioni di euro, è stato ritirato solo a seguito di rassicurazione da parte dell’assessore Sasso di procedere ad una integrazione del contributo, attualmente previsto, in sede di assestamento di bilancio.
E’ del tutto evidente che vigilerò perché quanto assicurato dal citato assessore abbia effettivo seguito, consentendo così la concreta realizzazione di quanto previsto dalla L.R. 31/09.
Spero, quindi, che alle parole seguano i fatti, e che lo spirito collaborativo che anima chi, come me, crede in una opposizione seria e responsabile, non venga tradito. 
Se così fosse, non esiterei a denunciare in ogni sede, politica ed istituzionale, il tradimento rispetto ad un impegno contratto in favore della pluralità dell’offerta formativa, delle famiglie e dei loro bambini, e dei tanti occupati nel settore.

Giandiego Gatta
Consigliere Regionale PDL

3 commenti:

Anonimo ha detto...

siamo alla follia... appoggiavi un governo che ha ridotto all'osso i finanziamenti e ora mi fai il comunista... e vabbè che gli italiani sono pecore ma ....non andiamo oltre!!!

Anonimo ha detto...

“Articolo 33. L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.
La repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole statali ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.”

Caro Giandiego, quanto è bella la nostra Costituzione… nessuno può impormi di comprare un paio di scarpe ad un prezzo esorbitante come nessuno impone di frequentare una scuola privata.
Auguri di Buon Anno.

donrobus ha detto...

Ma questo politico è informato sulla esistenza della scuola dell'infanzia PUBBLICA, GRATIUTA e magari migliore di quella a pagamento?!?!

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.