ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

sabato 22 ottobre 2011

Manfredonia: Un avvocato, e un incontro in prefettura, per l'emergenza Ospedale

A fronte dell’incombente emergenza sanitaria che si profila in Puglia, per la mancata stabilizzazione del personale precario attualmente in servizio, il Sindaco di Manfredonia, con lettera del 14 ottobre u.s. ha sollecitato un confronto con i Rappresentanti delle Istituzioni interessate, per porre rimedio alla situazione, di grave disagio per la popolazione, che si verrà a creare nella struttura ospedaliera locale a causa dell’imminente licenziamento del personale, sia medico, sia paramedico che comporterà, di conseguenza, l’interruzione dell’erogazione di prestazioni considerate essenziali

A seguito dell’iniziativa del Sindaco di Manfredonia, il Signor Prefetto Dott. Antonio Nunziante, dimostrando alta sensibilità per i problemi sociali, ha indetto un incontro per il 26 ottobre p.v., presso la Prefettura di Foggia, a cui sono stati convocati l’Assessore Regionale alle Politiche della Salute, il Direttore Generale della Asl Foggia ed i Sindaci dei Comuni di Cerignola, Lucera, Manfredonia e San Severo. 
Fermo restando il necessario confronto nelle sedi istituzionali, il Sindaco di Manfredonia, in considerazione della straordinaria rilevanza sociale di detta problematica, che comporta il grave rischio dell’interruzione di un indispensabile servizio pubblico, quale è quello ospedaliero, al fine di tutelare l’interesse generale della Comunità che rappresenta, ha conferito incarico all’avvocato Pietro Quinto affinché agisca in ogni sede necessaria per la difesa delle buone ragioni della popolazione, prevenendo il licenziamento del personale ospedaliero precario

Ufficio Stampa e Comunicazione
Comune di Manfredonia

0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.