ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

lunedì 24 ottobre 2011

Manfredonia: Da mercoledì in scena "E' o' penziero ca nun te fa campa"

Da mercoledì 26 ottobre a sabato 29 ottobre si riprende a volare con una nuova commedia diretta da Assunta Radagona
Una commedia in tre atti che avrà come location il teatro del Regiohotel Manfredi
La vicenda narra di una coppia ben solida e salda formata da Concetta Cerrato e Gennaro Polito che insieme hanno una famiglia patriarcale dove intorno ad essi girano altri personaggi tra cui: Carmela Polito,Ciro Polito,Federico Polito e altri personaggi fondamentali in questa famiglia. 
 Ma come succede in tutte le storie ci sarà sempre il dubbio o una verità nascosta e dopo trent'anni Concetta vorrà scoprire la pura e semplice verità. 

Ad interpretare questa storia ci saranno gli attori: Assunta Radagona (Concetta Cerrato), Gianni Fatone (Gennaro Polito), Carmen Sovereto (Carmela Polito), Ciro Salvemini (Ciro Polito), Lino Conoscitore (Federico Polito), Giustina Ronchi (Nunziatina Polito), Matteo Salvemini, Giuseppe Fatone (Commessi)e Maria Rosaria Moretti (Portinaia).
Le scenografie sono state curate da Gianni Fatone.
La direttrice di scena sarà Lucia Olivieri. 
Le luci e l'audio verranno curate da Antonio Fatone e Leo di Bari
La regia è di Assunta Radagona

FELICE SBLENDORIO

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Assunta Radagona? E chi é??? Viene ripetuto più volte, quindi non è un errore? Grazie.

Anonimo ha detto...

Tranquillo anonimo, sai benissimo che è un errore giornalistico; può capitare anche sul "Corriere della Sera", piuttosto mi fa piacere riportare un commento preso da un altro sito della nostra città:
Postato da BATTITOANIMALE il 23-10-2011 alle 10:16

Leggi notizia

Ovviamente non ho ancora avuto modo di godere della visione dell’opera teatrale, ma avendo avuto il piacere e l’onore di presenziare a quasi o tutti i precedenti lavori di Assunta Radogna, non ho dubbio alcuno nel dire che sarà sicuramente una commedia di altissimo profilo. A sostegno di quanto scritto c’è l’aver letto l’elaborato inedito, che l’autrice con lodevole iniziativa e, non trascurabile spirito di sacrificio ha voluto trasferire sul palcoscenico; un manoscritto dal quale traspira in maniera tangibile la sensibilità e l’emotività dell’artista verso i valori autentici e pervasi di significato della vita vera e di vissuta umanità: la famiglia matriarcale (anche se la trama si basa su quella patriarcale), l’amore sviscerato incondizionato ed in condizionabile verso i figli in quanto tali, l’essere comunque ancorati alle tradizioni ed alla cultura e mentalità a volte anche gretta della città-borgo-paese.
Certo, viene spontaneo riflettere sul fatto che se la nostra benemerita concittadina fosse nata a Milano, Roma o Venezia, se avesse avuto la possibilità di frequentare accademie varie, se fosse stata guidata da una stella un po’ più benevola che male mai non fa a nessuno……se fosse, se avesse……ma non fa nulla cara Assunta, perché una donna è di più di quel che ha in termini di successo, onori e riconoscimenti e, tu, credici, sei una gran bella e degna persona.; che poi tu sia anche una sublime attrice-regista è solo un corollario della tua vita di donna ed artista.
La commedia della prossima settimana non sarà altro che il simbolo di questo teorema. Auguri di tanta buona vita.


Bene, errore riparato e con qualche conoscenza in più. Curati il fegato!!

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.