ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

sabato 13 agosto 2011

Manfredonia: Acque Nere in mare, divieto di balneazione per tutto il giorno

Questa mattina i bagnanti di Manfredonia si sono svegliati con una brutta sorpresa, "Divieto di Balneazione", questo è il cartello che impone il divieto, dalla rotonda Miramare fino al la spiaggia libera affianco al lido "La sirenetta"
Le cause ed i fatti sembrerebbero questi:
Nella serata di ieri, pare che l'impianto di risalita della fogna nera, dell'Acquedotto Pugliese, che si trova all'interno del campo sportivo comunale "Miramare", di fronte ai lidi, abbia smesso di funzionare a causa di un black-out elettrico, con il conseguente riversamento dei liquidi nella condotta della fogna bianca che sfocia nello specchio di mare antistante.

Questa mattina dopo il sopralluogo dell'ufficiale sanitario, è stato disposto immediatamente il divieto di balneazione nel tratto di costa citato precedentemente.
A questo punto un cittadino normale si porrebbe la seguente domanda.....non era meglio estenderlo per sicurezza almeno in tutto il tratto di costa che va dalla spiaggia libera "Castello" sino all'acqua di Cristo?

Come molto spesso accade in questi casi, anche in altre parti di Italia, sembra quasi che questi divieti riguardino solo le zone dove non sono presenti stabilimenti balneari, come se i reflui organici fossero dotati di una certa intelligenza, per non inquinare gli stabilimenti dati in concessione......
La realtà è che davanti a certe situazioni viene prima la salute e poi tutto il resto....

9 commenti:

Anonimo ha detto...

scusate ma i cartelli la sottoscritta non li ha visti,complimenti alle autorità la spiaggia era piena e in acqua oggi era pieno di bambini..............................................

Anonimo ha detto...

Che schifo... una vergogna non estendere il divieto di balneazione anche ai lidi circostanti!

I soldi prima della salute dei cittadini!

Madre di famiglia ha detto...

Non capisco perchè non abbiano esteso il divieto per tutta la spiaggia.

Io per poco non mi beccavo uno stronzo (fece di bipide) in faccia, ed ero vicino il faro.

Ma il sindaco non dovrebbe tutelare la salute dei cittadini?

Credo che sia più saggio tutelare la salute che gli interessi degli stabilimenti.

Anonimo ha detto...

ma insistete ancora ad andare in quella fornace,dove non c'e' alcun spazio tra un ombrellone ed un altro...acqua non direi diversa o piu' pulita di Siponto...dove oltre ad avere delle comodita' introvabili rispetto ai lidi costosissimi di Manfredonia..ho trovato un acqua dall'inizio dell'estate pulitissima...

sipontina ha detto...

avevamo una spiaggiA libera e pulita alle case marinaie, e i soliti noti per far soldi l'hanno cementificata.

speriamo che il porto sia la loro rovina,ma ki kakkio viene in questa fogna?

Murodigomma ha detto...

Come al solito la meraviglia è nello stupore della gente. Repetita iuvant per non perdere l'aroma ora 21:05 un nuovo sversamento in mare, manca solo la pizza ed il mandolino. ciao popolo.

Anonimo ha detto...

ma xchè nn ci si organizza in un bel comitato cittadino e si fa partire un esposto alla procura della repubblica???o vogliamo che il rischio escherichia colis-dovuto a scarichi fecali-(vedi germania-22 morti-)ci colpisca in pieno,prima di fare qualcosa?????il sindaco che dovrebbe essere il primo a tutelare la salute dei cittadini(che pagano le tasse)per caso è in ferie assieme agli altri organi di controllo,ma in altre spiagge?????

Anonimo ha detto...

eppure c'e' gente che impazzisce per pagare 800 euro x un ombrellone..dove non hai possibilita' di abbronzarti causa ombrelloni uno sopra l'altro..se adesso aggiungiamo la fogna che riversa liquami ...non devo aggiungere altro...

Anonimo ha detto...

in questo modo ho la sensazione che il sindaco tutela gli interessi degli stabilimenti e non della gente

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.