ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

sabato 4 giugno 2011

Gatta: Vendola aumenta l'Irpef ai Pugliesi, e dimentica il Gargano

Con un autentico colpo di mano, con le urne elettorali chiuse ma ancora calde, il Presidente Vendola ha scaricato sui Pugliesi una stangata IRPEF da 100 milioni di euro, tanto più intollerabile ove si consideri che a poche settimane dal voto per le Regionali aveva finto di tagliarla, l’IRPEF, aggiungendola così ai luccicanti trofei offerti all’ammirazione dei Pugliesi, rivelatisi ormai tutti falsi.
Questa mazzata si aggiunge, infatti, ai tagli feroci alla spesa sociale effettuati alla chetichella molto prima delle manovre di Tremonti, alla chiusura di 18 Ospedali e 2200 posti-letto, all’introduzione o all’inasprimento dei tickets sanitari, all’aumento delle tariffe di acqua e trasporti, all’aumento del prezzo dei carburanti, all’IRAP più pesante d’Italia, alle bocciature in serie da parte della Corte Costituzionale ecc.ecc.. 

Tutto questo mentre i servizi resi ai cittadini si riducono e si degradano sempre più, sulla pelle soprattutto delle fasce più deboli della popolazione, dagli anziani ai disabili.
In compenso, non si toccano i regali alle clientele vendoliane, attraverso la moltiplicazione di carrozzoni e relative poltrone con i conti pagati di fatto “a piè di lista”, la proliferazione di “portali” milionari tutti eguali tra loro, alcuni dei quali in un inglese approssimativo che ha suscitato indignazione nei nostri connazionali all’estero, il foraggiamento all’infinito di pseudoartisti, con parassiti annessi e connessi, purchè rigorosamente di fedele osservanza vendoliana.
Ed intanto una Puglia sempre più povera registra il crollo più alto d’Italia del PIL e detiene il record nazionale di perdita percentuale di posti di lavoro.
L’incredibile è che questa rovina pare si stia esportando anche in altre realtà del nostro Paese, al seguito di un Governatore che è dovunque tranne che al proprio tavolo di lavoro. 
Con la conseguenza che potrebbe essere lo sfascio in atto dalla Puglia a mettere sull’avviso un Paese che rischia di seguirne le orme nel baratro.


La nomina di un certo Piccirillo, ennesima speranza del vivaio vendoliano, cui si accede soltanto per fedeltà acclarata all’ideologia ed al culto della personalità del Capo, e di cui ci farebbe piacere approfondire il curriculum, alla guida nientepopodimeno che delle politiche di promozione turistica della Puglia, ripropone due questioni che perfino il Presidente Regionale del principale Partito di maggioranza, Michele Emiliano, denunzia come gravissime.
La prima è la gestione delle politiche culturali e turistiche da parte dell’Assessore all’Ideologia ed alle Fabbriche di Nichi, il cui programma è lo sperpero e la faziosità a proprio totale piacimento, purchè rigorosamente a carico dei Pugliesi.
La seconda è l’ennesima dimostrazione della totale eliminazione del Gargano  - e cioè di un’area fondamentale per lo sviluppo turistico della Puglia con competenze specifiche di assoluta qualità e livello -   dalle viste e dalle politiche del Governo-Vendola, capace soltanto di insultarne le popolazioni e di lasciarle sole con i loro problemi.
Entrambe queste vergogne gridano vendetta agli occhi della Puglia intera.

Giandiego Gatta
Consigliere Regionale PDL

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Vendola ha dimenticato se stesso....

Anonimo ha detto...

Ogni giorno Vendola ne combina una delle sue! Scommetto che anche stavolta la colpa é di Berlusconi! Doveva cambiare la Puglia. Si, l'ha cambiata in peggio però!

Anonimo ha detto...

una cosa è sicura non ha venduto l'acquedotto e solo per questo vale i voti che ha preso..

Anonimo ha detto...

A parte il fatto che l'acquedotto non sarebbe mai stato venduto, per te è comunque un buon motivo per distruggere questa regione?????? Siamo proprio alla pazzia!!!!!

Anonimo ha detto...

E' allucinante quello che ha scritto anonimo delle 15:38! Della serie "non morirete di sete ma potete morire di fame"! Ma certe cose le pensate davvero?

Anonimo ha detto...

Vendola ha aumentato l'irfef ok per prima protesta voto 6 voti al no cosi gli piazzano un bella centrale nucleare vicino casa!!

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.