ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

martedì 31 maggio 2011

Gatta:Scegliere i candidati per la vicinanza al popolo, no per spinte dall'alto

Sarebbe ancor più imperdonabile della sconfitta che noi del PdL abbiamo registrato in questo turno elettorale amministrativo, se non riuscissimo a trarre da essa una spinta decisiva a cambiare il nostro modo di fare politica e di scegliere i candidati.
Paghiamo infatti per la lontananza dalla gente di chi ci rappresenta a tutti i livelli, a cominciare dai parlamentari ‘nominati’ per meriti spesso troppo vaghi e poi letteralmente scomparsi alle viste del popolo sovrano, e per la pessima abitudine di scegliere i nostri candidati in conventicole chiuse in cui il sistema di selezione è quello della fedeltà ai generali ed ai loro colonnelli, senza alcun riguardo per l’appeal elettorale, con il risultato che dobbiamo sempre correre ad handicap, inseguendo avversari più forti e partiti sistematicamente in vantaggio.

Maturano così sconfitte assolutamente evitabili, quando non autentici suicidi.
Di qui la necessità di ricorrere anche noi, ed anche per i parlamentari se dovesse restare inalterata l’attuale legge elettorale, a sistemi di selezione dei candidati trasparenti e democratici, quali (perché no?) quello delle ‘primarie’, che hanno il vantaggio di anticipare e raddoppiare la campagna elettorale, di dotare il vincente di un accattivante aura di vittoria, e di recuperare anche i perdenti, che non possono sottrarsi a dare il proprio contributo diretto ad una causa che si erano già offerti di rappresentare.
Se invece tutto restasse nel PdL com’è, non basterà il nostro pur immutato entusiasmo ad invertire una tendenza che oggi si annunzia molto amara.

Giandiego Gatta
Consigliere Regionale PDL

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Vallo a dire ai tuoi superiori di Roma!

Assunta Spina ha detto...

Onore alla onestà intellettuale: "vicepresidentedellacamera, commissariodelparcodelgargano e mille altre nomine, Gatta docet".

Anonimo ha detto...

Questo è l'unico che ragiona in quel partito!

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.