ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

mercoledì 11 maggio 2011

Gatta: Gli sperperi di Vendola e la sua giunta

Ogni giorno emerge un altro, incredibile sperpero del Governo Vendola: quello, tanto per intenderci, che sta chiudendo gli ospedali, caricando di ticket, tasse e tariffe cittadini ed imprese pugliesi, e che ha selvaggiamente tagliato i fondi ai servizi sociali ed all’agricoltura.
Abbiamo appreso, per esempio, che lo strombazzatissimo sito dell’assessorato regionale ai Trasporti ‘mobilita.regione.puglia.it’, che dovrebbe informare l’utenza sui nostri collegamenti ferroviari, contiene indicazioni di dieci ‘treni-fantasma’, alias del tutto inesistenti, che si inseguono nella fantasia dei redattori sulla tratta Bari-Molfetta, nonché l’indicazione dei seguenti, esilaranti collegamenti:
1) da Taranto a Lecce, via Foggia in 6 ore;
2) da Foggia a Bari, via San Severo in 9 ore;
3) da Barletta a Monopoli, in 23 ore;
4) da Trani a Brindisi, via Foggia in 7 ore;
5) da Altamura a Maglie, via Foggia in 9 ore;
6) da Molfetta ad Ostuni, in 23 ore;
7) da Lecce a Brindisi, via Barletta in 8 ore;
8) da Grottaglie a Taranto, via Brindisi in 4 ore.

Se non ci fosse da piangere, considerato che questa straordinaria puntata di ‘Scherzi a parte’ porta la firma della Regione Puglia e l’abbiamo pagata noi, ci sarebbe veramente da ridere.
C’è invece francamente da indignarsi quando poi si apprende che questo sito altro non è che un doppione di altro preesistente, nel solco peraltro di un andazzo ormai consolidato dal Governo Vendola di moltiplicazione di arnesi atti soltanto ad ampliare all’infinito le opportunità per soggetti immancabilmente collocati da un sociologo di sinistra nelle ‘Fabbriche di Nichi’ e dintorni.

Non meno intollerabile, anche perché molto più costosa (324 mila euro a base d’asta), la mancata messa in funzione, ad oltre un anno dal loro acquisto, di dieci moto d’acqua acquistate lo scorso anno, insieme a tre idro-ambulanze, dall’assessorato alla Sanità nell’ambito del progetto ‘Emersanmare’ ed allo stato abbandonate ad arrugginire nei locali della Protezione Civile.
Se a tutto questo aggiungiamo (soltanto dalle cronache di questo mese) i 200 mila euro per il concertone romano del 1 maggio, o i 27 mila per uno stand a Dubai gentilmente offerto alla promozione turistica del Veneto, non possiamo non evidenziare la vergogna continua di un malgoverno sempre più inarrestabile, in cui autentiche dilapidazioni si aggiungono a mancati controlli. Sempre a spese dei pugliesi

Giandiego Gatta
Consigliere Regionale PDL

7 commenti:

Anonimo ha detto...

cacciatelo per favore

Crono ha detto...

gatta....e jamm...

ti potrei dar ragione solo sulle moto d'acqua ma credo che li la messa in funzione sia responsabilità della protezione civile..sicuramente tu lo sai meglio di me..

come sai che il sito è ancora in fase di testing

sai anche che i soldi per la promozione erano appositamente stati dati alla regione per quello e non possono essere utilizzati per altro

insomma, caro consigliere regionale, perchè sempre questi comunicati stampa da "bambino piagnucolone"?

Anonimo ha detto...

ci sarebbe veramente da denunciare il consigliere gatta per ciò che dce

Anonimo ha detto...

Moto d'acqua??????? Concerto del 1° maggio a Roma????? Promozione turistica al Veneto????
Vendola è una delusione continua!!! Fa bene Gatta a tenerci informati su queste porcherie!!!

Anonimo ha detto...

Vendola è scandaloso! Bisognerebbe cacciarlo a pedate!
Le sue poesie non ci incantano più!

Crono ha detto...

ecco..poi la gente gli crede pure!QUEI SOLDI SONO STATI DATI ALLA REGIONE PUGLIA PER FARE PROMOZIONE!NON POTEVANO ESSERE SPESI IN ALTRO MODO!

Anonimo ha detto...

Vendola è solo un buffone che parla parla parla!!! Sa fare solo quello!!! Non lo voterò mai più! Che schifo, è peggiore degli altri!

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.