ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

martedì 5 aprile 2011

Manfredonia: Via l'UDC dalla maggioranza, ora cambio anche al vertice dell'ASE?

Nei giorni scorsi l'amministrazione Riccardi ha festeggiato un anno di attività, proprio dopo questo traguardo, la maggioranza che appoggia il sindaco Angelo Riccardi, perde 2 uomini in giunta, ex UDC, ora facenti parte dell'Unione di Capitanata, Franco Tomaiuolo e Salvatore Valentino, che andranno ad arricchire le file dell'opposizione.

Ma perchè è avvenuta questa spaccatura?

In una lettera inviata da Giuseppe Dicembrino, Responsabile della nascente Unione di Capitanata Manfredonia, al sindaco Riccardi, il dito viene puntato contro il primo cittadino e contro l'attuale giunta, rea di aver sostituito l'assessore Nunzio Giandolfi, con il nuovo assessore Michele Gallifuoco, appartenente all'UDC, solo per accontentare il parlamentare Sanmarchese, Angelo Cera.
Da quello che ci sembra di capire la cosa che fà più rabbia a Dicembrino, sia il fatto che il sindaco non li abbia ne convocati ne avvisati prima del cambio, e soprattutto, la scarsa considerazione che i suoi uomini hanno avuto da tempo in giunta.

Insomma, sembra un problema prettamente politico, nella lettera si parla di patti venuti meno e scarsa lealtà politica, ma allora adesso che si fà?
Visto che il signor Decembrino ricopre il ruolo di amministratore unico dell'ASE, ci sarà un cambio anche al vertice dell'azienda di nettezza urbana? Oppure si lascerà tutto immutato?

Noi poveri cittadini siamo spettatori inermi, certo dopo 15 anni di opposizione il cambio dell'UDC nelle file del centro sinistra, sembrava strano, ma si sa in politica nulla è lasciato al caso, tutto è programmato...
Di una cosa siamo sicuri, la maggioranza può farcela anche senza 2 consiglieri, i numeri glielo permettono senza problemi, ma forse qualcosa si è rotto...

16 commenti:

giggino ha detto...

la maggiornaza perde pezzi e credibilità

Osservatore Sipontino ha detto...

Dicembrino mostri concretamente la solidarietà al 'povero' Giandolfi, si schiodi dalla poltrona anche lui.
P.s.
Redazione ma il vostro logo pure sul marchio dell'ASE? ;p

Anonimo ha detto...

finalmente si riesce ad intravedere anche all'esterno chi e' il Sindaco,egoismo puro senza rispettare alcun patto...a prescindere l'amicizia di cui non conosce il valore....

Anonimo ha detto...

IL PD A MANFREDONIA SEMBRA ESSERE DIVENTATO UN REGIME.

Anonimo ha detto...

Non diamo la colpa al PD o al Sindaco, L'UDC da buoni democristiani d'un tempo pensano solo e soltanto alle poltrone come dividersele... gli unici problemi che l'amministrazione sta avendo nascono tutti dalla diatriba interna tra UDC e UDCapitanata...

Anonimo ha detto...

i patti si mantengono, e se anche fosse a problemi interni dell'UDC,il nuovo assessore non viene scelto tra le sue amicizie,ma bensi' su indicazioni dello stesso partito ,visto che il nuovo assessore non era tra quelli indicati dall'UDC ,ci chiediamo quale sia il merito di questa scelta...sappiamo tutti del modo di comportarsi del Sindaco,non venite a raccontare frottole,per fortuna che c'e' sipontoblog,unico sito ancora libero per poter esprimere le proprie idee, visto che altri siti sono nelle mani del Sindaco o suoi amici...

Anonimo ha detto...

O settanta anni sono schifato da tutti i politici
danno la colpa ha berlusconi e gli altri fanno lo stesso
ci sono le dittature nella capitale e nella città e anche a manfrdonia cè' la dittatura. Ha ragione mio figlio che mi a imparato a scivere tuta la stampa di manfredonia
e controllata-

Anonimo ha detto...

ma cosa stai farfugliando ... Riccardi ha pubblicato la lettera di Cera doce compariva la lista di 6 nomi tra cui Gallifuoco e l'altra lettera dove si diceva testualmente di aggiungere alla lista anche il capogruppo Troiano. Al paese mio AGGIUNGERE non significa metti questo. Poi ti rammento che il polemico Caratù è stato fatto fuori dal suo stesso partito e sostituito da Spagnuolo (consigliere comunale). L'on.Cera ha ribadito così come il Presidente UDC di Manfredonia Aprile il pieno appoggio a Riccardi.
Perciò non so perchè continuano ste polemiche quando i diretti interessati hanno negato tutto...

Mambredonjé ha detto...

Su La Stampa di Manfredonia è controllata …
La colpa non è tanta di chi censura e controlla, cosa i Manfredoniani devono (a loro avviso) sapere, ma dei cittadini che frequentano “questi Siti e i loro Forum”, così facendo si è complici del “Dittatore”.
È da stupido frequentare e informarsi su un Sito, dove so con certezza che le notizie e i commenti sono filtrati.
PS: non mi stancherò mai di scrivere, metteteci il nome sui vostri commenti, così facendo fate capire che avete “paura” di chi controlla Manfredonia, e fate soltanto il loro gioco.
Almeno un nickname? È ché cazze jié …

IL GRANDE MISTERO DEL DEBITO PUBBLICO DEL COMUNE DI MANFREDONIA ha detto...

Scusatemi se mi intrometto, questo blog è ormai diventato l'ultimo baluardo della libertà di parola concessa ai cittadini. Se scrivi qualche critica verso il Comune o i politici o vieni censurato o non viene pubblicato un bel niente. I siti sipontini sono al servizio dei potenti o comunque intimoriti. Il nome,il nick non ha una importanza fondamentale, mentre sono d'accordissimo sul boicottare i siti sospetti o addirittura complici del dittatore o dei dittatori. Ormai ho eliminato dai preferiti tutti i siti Manfredoniano tranne il blog di questi bravi ragazzi. ' vero anche chi paragano i dittatori locali al grande dittatore di Arcore, quest'ultimo ha seminato anche proseliti che si spacciano per democratici invece sono peggio di lui.

Manfredonia= Arcore ha detto...

Ci sono molte affinità tra i dittatori...

Manbredonjé ha detto...

Sulla pagina Facebook di berlusconi, puoi scrivere il tuo commento negativo che sia e non viene censurato, ma prova a farlo almeno sulla pagina del Comune di Manfredonia?
E un Sindaco che minaccia un cittadino che scrive il suo pensiero, o meglio che si permette di fargli una domanda e peggio di qualsiasi dittatore.
Permettere di scrivere commenti sulla pagina del Comune di Manfredonia, soltanto a chi è di suo gradimento, è peggio della censura cinese, russa o libica.
Questa è Manfredonia, auguri dittatore.
PS: il nickname ha la sua importanza e come …
Scrivendo il mio nome e come se dico, io non ho paura, io ti critico come e quando voglio, io ho le PALLE.
I lecchini invece hanno soltanto la lingua e strisciano, scrivendo ciò che il supremo desidera, i giornalisti manfredoniani? Fede a lor confronto è un Angelo.

Anonimo ha detto...

oltre manfredonia.net, e qualche pagina facebook dove i commenti vengono censurati non capisco perchè dobbiamo fare di tutt'erba un fascio... come Sipontoblog ci sono anche altri siti dove si può commentare e i commenti non vengono cancellati...

Anonimo ha detto...

ome volevasi dimostrare, non mi meraviglia.

Mambredonje ha detto...

Ma mettete un nick qualsiasi, almeno per facilitare a rispondere, non si può discutere scrivendo @ Anonimo ha detto …
Per le censure, qual altro Sito non effettua censure?
Premesso che c’è, sono tali che nei forum c’è un ammasso di idioti che ti assaltano con stupidi commenti, e non è possibile nessun dibattito “normale” io stesso sono stato intitolato come “Tedesco” (dai miei compaesani) e invitato a “Staté a là tojé”!
Questa è la Manfredonia di oggi, e da precisare che non offendevo nessuno, ma difendevo soltanto con amore Manfredonia.
Ho subito anche una minaccia per telefono (da Manfredonia)
E (non mi stancherò mai di dirlo) minacciato dal sindaco di farmi vendere la casa e che anche ai miei figli avrebbero pagato, soltanto perché mi ero permesso di fargli una domanda di non suo gradimento via web.
Evviva Manfredonia paese civile …

Anonimo ha detto...

forse il Sindaco permaloso pensa di poter convincere,offendere e vendere fandonie attraverso Fb, o manfredonia.net dove passano le notizie filtrate da egli stesso, pensare che la gente ha i paraocchi e' l'errore piu' grande in democrazia.

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.