ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

giovedì 28 aprile 2011

Manfredonia: La CGIL in piazza per raccogliere le adesioni e pubblicizzare lo sciopero

La CGIL ha proclamato per il giorno 6 maggio 2011 lo sciopero generale con manifestazione provinciale a Foggia.
"Uno sciopero che non può essere solo della CGIL, ma di tutta la società," come auspicato dal Segretario Generale della CGIL, Susanna Camusso.
Alcuni dati del Centro per l’impiego di Manfredonia aggiornati al mese di febbraio del 2011 mostrano che su una popolazione complessiva di circa 59.456 mila abitanti risultano ben 13.470 gli inoccupati e disoccupati.
Risultano dalle schede dei servizi sociali del comune di Manfredonia al 31/12/2008 la presenza di 19710 nuclei familiare. E’ lecito dedurre che in tutte le famiglie vi è un situazione di inquietudine.
Peggiorano le opinioni sulla situazione economica della famiglia e sul bilancio familiare. Si deteriorano, in particolare, le previsioni sulla situazione economica del paese e sulle possibilità future di risparmio
( indagine istat 27 aprile 2011).


Non può essere il 6 maggio lo sciopero solo di chi difende il proprio lavoro o di chi chiede il diritto ad averlo, non solo la rabbia di chi l’ha già perso o rischia di perderlo, non di giovani studenti, non di precari o delle famiglie e dei nonni che ne attenuano i disagi con i propri risparmi.

La forte adesione allo sciopero delle nostre intere comunità meridionali diventi un messaggio forte per il governo e per la politica tutta, per dire che è tempo di cambiare, per progettare un futuro degno delle nuove generazioni, che non sia fatto di rassegnazione ed emigrazione, ma di protagonismo e lavoro di qualità.

Venerdì 29 aprile la camera del Lavoro CGIL Manfredonia sarà in Piazza Stella per raccogliere le adesioni e pubblicizzare le ragioni dello sciopero.

Camera del Lavoro
CGIL Manfredonia

1 commenti:

Anonimo ha detto...

si come a noi della provincia che ci hanno venduti come lavativi io non credo piu ai sindacati

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.