ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

sabato 9 aprile 2011

Gargano: Piattaforme petrolifere invece di pescherecci e turisti

Piattaforme petrolifere invece di pescherecci e turisti: ecco il modello di sviluppo tracciato dai ministri Prestigiacomo e Galan per l’Adriatico meridionale e le coste pugliesi e molisane”. Il capogruppo del Partito Democratico in Consiglio provinciale, Antonio Prencipe, commenta l’adozione del decreto con cui il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con il parere favorevole di quelli dei Beni culturali e dello Sviluppo economico, autorizza la ricerca di giacimenti petroliferi a 25 chilometri dalla riserva marina delle Isole Tremiti ed a 40 chilometri dalla costa molisana.

E’ un’attività industriale dannosa, pericolosa e priva di alcun beneficio, diretto e indotto, per le aree in cui si svolge – continua Prencipe – Oltretutto, si mette a rischio il già delicato equilibrio geologico e ambientale dell’ecosistema marino per eventualmente ricavarne petrolio di pessima qualità, perché ricco di zolfo, che determinerà lo spreco di milioni di tonnellate d’acqua dolce nel processo di raffinazione”.
Poco meno di un anno fa, il 27 aprile 2010, il Consiglio provinciale si riunì nell’isola di San Domino dell’arcipelago delle Diomedee per esprimere - con gli amministratori locali e i sindaci, i parlamentari, i consiglieri regionali e i rappresentanti delle organizzazioni di categoria e le associazioni civiche – “un corale e secco ‘no’ al progetto della società Petroceltic Elsa”. In quella sede, il presidente della Provincia e deputato del PdL, Antonio Pepe, riferì di avere avuto un colloquio telefonico con la ministra Prestigiacomo che “escludeva l’autorizzazione oggi concessa, anche alla luce del parere negativo della Regione Puglia di cui, evidentemente, non si è tenuto alcun conto”. 
D’altronde, “l’ordine del giorno approvato dal Consiglio provinciale lo scorso anno – sottolinea Antonio Prencipe – neanche figura nell’elenco dei pareri e delle osservazioni inviate al Ministero dell’Ambiente anche da singoli cittadini: un incidente istituzionale, oltre che un fatto spiacevole, su cui chiederemo chiarimenti al presidente del Consiglio provinciale”.
 
Il capogruppo del PD annuncia la presentazione di un nuovo ordine del giorno nella prossima seduta dell’Assise di Palazzo Dogana, “con la speranza che, almeno questa volta, il Governo rispetti i rappresentanti istituzionali della Capitanata – conclude Antonio Prencipe – e che il presidente Pepe riesca ad ottenere qualcosa in più di una telefonata della ministra Prestigiacomo”.

PD Capitanata

14 commenti:

Anonimo ha detto...

E' davvero inaudito.Vogliono rovinarci le uniche poche cose buone che abbiamo.
Siamo già in ginocchio,vogliono anche la nostra testa.
Meno male che la natura si sta ribellando (vedi Giappone)
Ormai la terra vuol resettarsi,l'uomo è il suo peggior nemico.

Anonimo ha detto...

a che serve il porto turistico?

non faranno in tempo a finirlo che già dovranno convertirlo in porto petrolifero.

aahahahah

quanda sold scittet a mer

Anonimo ha detto...

Una città che sacrifica una scogliera secolare rigogliosissima per la causa del cemento, una città che permette la costruzione di un inceneritore della Marcegagliain pieno tavoliere non è degna di essere annoverata quale
città o cittadina civile ma può essere annoverata tra quelle del IV mondo, non capisco le lamentele per le ricerche petrolifere da parte dei barbari distruttori
della natura quali sono tutti i politici sipontini.
VERGOGNA

Anonimo ha detto...

NO ALL'INCENERITORE, E' COME IL PORTO TURISTICO LO VOGLIONO SOLO IN POCHI OVVERO I POLITICI SIPONTINI!!!

Anonimo ha detto...

Vorrei poter leggere il parere del consigliere regionale Giandiego Gatta in merito all'ennesima beffa del governo centrale ai danni della nostra amata terra.
E' un'occasione di dibattito costruttivo che va oltre le ideologie forzose del suo partito.
Il mio parere, tuttavia, è che la cattiveria di questo governo è tale che la gente evita di commentare qualsiasi azione, sia positiva che, nella maggior parte dei casi, negativa per una sorta di esasperazione mediatica. Si è volutamente allontanata la politica reale dal dibattito pubblico perchè la gente va tenuta "ignorante", si deve conoscere solo chi e cosa sono contro il grande capo.
Per questo, mi permetto di richiedere un intervento del suddetto consigliere regionale, perchè io come tanti altri lo abbiamo votato per la stima e la fiducia riversata nel suo agire per l'interesse della nostra terra. Non pretendo il parere negativo, semplicemente il suo parere su una delicata questione che riguarda la vivibilità del nostro territorio nel futuro.

Anonimo ha detto...

mentre i ricchi e i politici pensano ai fatti loro, la cittadinanza disapprova i loro misfatti, manifestando in piazza.

VERGOGNA!

Porto turistico + Inceneritore = Interesse per pochi ha detto...

Che vergogna vivere in questa città una popolazione pavida e insensibile c'erano centinaia di persone venute da fuori, una città senza palle!!!
Gli stessi che hanno voluto il porto turistico hanno voluto anche l'inceritore, FERMATE IL MOSTRO!!!

Anonimo ha detto...

STATE SEMPRE A LAMENTARVI, VI PIACE AVERE L'AUTO, IL FRIGO, IL RISCALDAMENTO, LA LUCE E ALLORA !!!!!!!!!!COSA VOLETE. PER AVERE QUESTO BISOGNA CHE IL PROGRESSO FACCIA LA SUA PARTE.

IL GRANDISSIMO MISTERO DEL DEBITO PUBBLICO DEL COMUNE DI MANFREDONIA ha detto...

Nel corteo c'era l'unico intelletuale di Manfredonia, autore di molti libri, non posso fare il nome ma è uno di quelli che amano veramente Manfredonia, gli altri dov'erano? Probabilmente a discutere con le lobbies locali
a vendere fumo e cemento.

Anonimo ha detto...

Piuttosto, il consigliere regionale Gatta si è fatto vivo sul blog, qualcuno gli ha riferito dell'invito al commento?
Forse non interviene perchè la questione non riguarda Vendola? A chi potrebbe far critiche?

La città dei balocchi ha detto...

Ieri ho avuto la prova della pavidità e superficialità
dei Manfredoniani che si meritano una centrale atomica.

Il trivellatore sipontino (dolce dei preamboli) ha detto...

Le lobbies mondiali del petrolio conoscono esattamente
tramile le loro "intelligence" i grossi limiti dei politici tutti, conoscono altresi, i limiti, le pecche e gli scheletroni negli armadi dei politici pugliesi, famosi all'estero come quelli che al popolino propongono verde e difesa della natura mentre nella realtà propinano
cemento e distruzione e sono alleati dei signorotti locali.

Mambredonje ha detto...

Anonimo del 9 aprile 21:20 (chi ha paura di scrivere almeno un nickname, non dovrebbe partecipare proprio ai commenti)
Ma che stupidi ragionamenti sono i tuoi?
Il progresso deve fare sì la sua parte … ma non inquinando il Mondo.
Ai tempi d’oggi “ 2011 “, si doveva andare già con auto elettriche, ogni casa doveva avere la sua piccola centrale elettrica sul tetto proprio (energia solare) e le centrali elettriche: solare o vento.
E non stare a fare Guerre Umanitarie per avere il petrolio, o inquinare il mondo con radiazioni nucleari.

Dunet pisc aff-tu-t ha detto...

Da qui si capisce che chi ha voluto il porto turistico lo ha fatto solo per soldi e non per il turismo.

Altrimenti perchè fare un inceneritore che fa scappare i turisti e che ammala la gente del posto?

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.