ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

lunedì 14 marzo 2011

Foggia: Alla tavola rotonda sulle infrastrutture, la Regione ci snobba, e i politici tacciono

Si è svolta nei giorni scorsi nel capoluogo, una tavola rotonda, sul tema “La coesione sociale e le infrastrutture strategiche per lo sviluppo”, organizzato dalla Cisl, a cui hanno partecipato il segretario generale della Cisl Puglia, Giulio Colecchia, il segretario confederale, Anna Maria Furlan e tutta la Cisl di Capitanata, guidata da Emilio Di Conza, oltre ai responsabili provinciali di Confcommercio e Confindustria, i segretari provinciali del Popolo delle Libertà, Mazzone, del Partito Democratico, Campo e l’Assessore regionale alle Infrastrutture Strategiche, Guglielmo Minervini.

Un tema, quello delle infrastrutture, che vede la nostra provincia agli ultimi posti, basta farsi un giro per le strade di capitanata, per rendersi conto di quante opere infrastrutturali, necessita la nostra provincia.
Tutti i presenti, man mano che prendevano la parola, sono stati unanimi nel ribadire di quanti fondi ha bisogno la capitanata, per realizzare o completare quelle opere che da troppo tempo, sono state promesse o peggio ancora abbandonate a se stesse.
Tra i lavori da fare, tre le opere fondamentali, l'allungamento della pista del Gino Lisa, per dotare finalmente il gargano di un aeroporto, e rendere più appetibile lo scalo, l'insediamento della Sfir nel porto di Manfredonia, progetto per ora arenato e lo stesso porto di Manfredonia, da anni abbandonato e lasciato a marcire in quelle condizioni.

La regione fa sentire la sua voce, dalla bocca del suo assessore Minervini, accusandoci più volte di non essere stati capaci di presentare progetti validi, e aggirando la domanda fattagli, sulla disponibilità della regione Puglia, sull'allungamento della pista del GinoLisa, ribadendo, che l'aeroporto di Bari rimane il più importante e deve servire anche a Foggia, dove si può arrivare con altri mezzi.
Tesi a cui i nostri politici presenti, non sono stati capaci di controbattere, confermando sempre più quanto temuto, che la capitanata è spesso fuori dalla giunta baricentrica di Vendola.

Il mancato finanziamento del porto di Manfredonia  è stato oggetto di una piccola polemica tra l'ex sindaco di Manfredonia, Paolo Campo, che confermava quanto detto dall'assessore Minervini, sulla mancanza di progetti, rincarando la dose e accusando la gestione dell'attività portuale, governata da un uomo di centro-destra, colpevole di non aver presentato valide soluzioni alternative
Parole alle quali si è visto costretto ad intervenire Mazzone per il PDL, un confronto scaturito, misero e penoso a cui il folto pubblico, è stato costretto ad assistere.

Riporta l'attenzione sui fatti concreti, l'intervento del segretario della Cisl di Manfredonia, Nicola Ciociola, che ricorda a tutti, come sia importante adesso fare squadra e che il tempo delle polemiche sia finito," Bisogna con l'aiuto di tutti, governo ,regione e provincia, indipendentemente dal colore politico, realizzare quelle opere che da tempo la capitanata ha bisogno, alle parole, devono seguire i fatti, altrimenti quello che ci siamo detti oggi, non sarà servito a niente, siamo stufi di fare i Becchini, dove ci chiamano solo per preparare la mobilità per le aziende in chiusura, serve una svolta..."

Il confronto è proseguito, con le parole, attente e approfondite del segretario confederale, Anna Maria Furlan, "Il Paese è messo assolutamente male, c’è bisogno di senso di responsabilità. Chi ce l’ha deve esercitarla fino in fondo” che rispecchiano in linea di massima quello detto in precedenza, a cui tutti ora siamo chiamati per fare la nostra parte.
"Un impegno comune per il lavoro e lo sviluppo, attraverso un patto per la crescita che impegni tutti gli attori sociali, politici ed istituzionali, a supportare, con responsabilità, le indicazioni strategiche per l’infrastrutturazione del territorio

1 commenti:

Anonimo ha detto...

e ke arte possono fare????....tanto valgono....UNA CICCA....

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.