ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

martedì 1 febbraio 2011

Escursione Valle Ragusa tra Carpini Bianchi e Muschi (Video)

Il 16 Gennaio ha avuto luogo la prima escursione del 2011, in località Valle Ragusa (Bosco Quarto), sempre grazie alla nostra guida Ventura Talamo, esperto conoscitore del territorio, che ci ha permesso di scoprire dei luoghi finora sconosciuti, territori bellissimi del Gargano facilmente raggiungibili, a due passi dalla nostra città, meditando sul fatto di quanto siamo fortunati ad avere una cosi molteplice diversità di habitat in unico luogo, IL GARGANO.

Appena raggiunto l'inizio del sentiero, la nostra guida ci ha subito descritto la particolarità di questa valle, che ha differenza della parte di Bosco Quarto che conosciamo tutti, quella che si trova più a Est dalla parte di Monte Sant'Angelo, quest'ultima si presenta con alberi di carpino bianco di eccezionali dimensioni, non solo ma anche di Cerri e Faggi, una parte di Bosco rimasta quasi allo stato naturale per diversi anni, dove grazie proprio a questa situazione di "abbandono" si è vista ripopolare negli ultimi tempi con diverse specie di Picchio (rosso maggiore, mezzano) che per sua natura nidifica all'interno dei tronchi vetusti e/o deteriorati da parassiti che si moltiplicano e si riproducono all'interno di essi, fino a portare alla morte vegetativa dell'albero.
Infatti, fino a poco tempo fa, il Picchio era considerato dall'uomo una specie nociva per questi alberi, perchè  ad essi veniva attribuito il deterioramento di questi alberi, non sapendo che il picchio, aveva quasi un sesto senso nel scegliere questi fusti, che nonostante l'apparenza erano già "marci" (quindi più teneri per creare il nido), a causa di questi parassiti.

Percorrendo il sentiero, la cosa che si metteva più in risalto era il verde del Muschio, colore predominante sul terreno e sui bianchi tronchi dei Carpini bianchi con fusti a collone e rami lunghi, spogli delle loro foglie (a causa del riposo vegetativo), che si intrecciavano in tutte le direzioni e per certi aspetti quasi inquietanti, inoltre, lungo il percorso abbiamo avuto la possibilità di ammirare un vecchio nido creato da un picchio all'interno di un tronco.

Arrivati quasi al termine del sentiero, ci siamo fermati vicino ad una area di picnic, nelle vicinanze di una vecchia piscina, dove le acque che scendono a valle, venivano incanalate attraverso un sistema di decantazione composto da due vasche, per separare il fogliame, per poi andare a riempire queste piscine, per la maggior parte erano dei cutini, nati da delle doline, il cui fondo era costituito da argille impermeabili, dove un tempo i pastori attingevano l'acqua per far abbeverare il proprio bestiame. Poi l'uomo ha poi imparato a migliorarle e a sfruttare questa risorse naturale, arginando i cutini e scavando queste cosi dette "piscine".

Troviamo infatti, una scalinata che serviva per scende sul fondo della vasca, in modo da  pulirla agevolmente nei periodi in cui c'è meno presenza di acqua, ma anche un piccolo balconcino affacciato su di essa, per pescare facilmente l'acqua.

Al rientro dal percorso, sempre all'interno del bosco, ci siamo ritrovati avvolti in una nube di umidità che ingrigiva il paesaggio, rendendo un atmosfera quasi fiabesca.

Di seguito, un breve video girato da Ventura Talamo, che documenta l'escursione appena descritta....nel frattempo, informiamo gli interessati, che la prossima escursione si terrà sempre nella zona di Bosco Quarto in località "Sentiero Cassano" in data da definirsi, mi raccomando seguiteci ed entrate a far parte anche Voi delle nostre VenturEscursioni.


0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.