ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

venerdì 7 gennaio 2011

Variante PRG Isole Tremiti: la Maggioranza fa Ostruzionismo e Perde Pezzi

Nulla di fatto nell'ultima seduta del 2010 del Consiglio comunale delle Isole Tremiti, convocato per discutere della proposta presentata da alcuni consiglieri di minoranza e del gruppo autonomo staccatosi dalla maggioranza, di inserire nel P.R.G. la zona “E” Agro-silvo-pastorale dimenticata dalle precedenti amministrazioni.

L'ostruzionismo della maggioranza ha condotto alla sospensione della seduta e al rinvio dell'accapo all'ordine del giorno. Sono apparse del tutto pretestuose le argomentazioni del Sindaco circa una presunta impossibilità di deliberare in merito, a causa di un giudizio pendente presso il Consiglio di Stato contro il parere espresso dal Parco del Gargano sulla variante al PRG, che aveva già visto soccombere il Comune nel precedente giudizio al TAR Puglia.

La proposta di deliberazione, presentata dai consiglieri Michele De Nittis, Antonio De Nittis, Antonio Greco e Mario Michele Armando Cafiero, vuole infatti interrompere la spirale dei ricorsi legali che vedono il Comune schierarsi puntualmente a favore dei cementificatori, con notevoli esborsi economici per le già disastrate casse comunali, e avviare finalmente un nuovo corso per il futuro delle Isole Tremiti.

Per questo nei mesi scorsi era stata avviata una petizione popolare a favore delle prescrizioni del Parco Nazionale del Gargano circa la salvaguardia delle isole, petizione che era stata sottoscritta da ben sei consiglieri comunali compreso l’attuale vicesindaco, insieme ad altre centinaia di firme raccolte tra i cittadini ed abituali frequentatori delle Tremiti.

Sono gli stessi motivi che hanno condotto tre componenti della maggioranza a non sostenere più l'amministrazione ed a costituirsi in gruppo autonomo. Spiega infatti il capogruppo Michele De Nittis: “Sono venuti meno i presupposti che tre anni fa ci avevano indotto a sostenere la ricandidatura di Calabrese. La scarsa disponibilità del sindaco al dialogo sulle proposte fatte a beneficio di tutti i cittadini e non solo di pochi, la poca trasparenza sui programmi futuri e la quasi del tutto assente comunicazione nei confronti dei cittadini ci hanno indotto a questo passo. Ne è un esempio l'inerzia dell'Amministrazione sulle perduranti difficoltà di collegamento con Termoli che da oltre un mese vedono la motonave Isola di Capraia della Tirrenia Nvigazioni, effettuare la tratta a singhiozzo a causa della perdita di un'elica di manovra che nella maggior parte dei viaggi la costringe a rinunciare all’attracco ai moli delle Isole, rendendo in tal modo impossibile lo scarico di carburanti, gas per il riscaldamento e viveri vari, mentre a quanto pare non si badano a spese per corse straordinarie del servizio elicottero che da voce di popolo pare che dal 2011 aggiungerà un collegamento con Vieste."

La maggioranza, ridotta ormai a sei componenti su tredici e sostenuta solamente grazie al soccorso di un consigliere indipendente, continua però a gestire la massima assise cittadina come un'assemblea di condominio o, peggio, come una proprietà privata, calpestando i diritti delle minoranze a veder discutere le proprie argomentazioni.

Il consigliere Michele De Nittis preannuncia che porterà all'attenzione del presidente della regione Puglia Nichi Vendola le vicende relative alla variante al P.R.G. e all'attenzione del prefetto le poco democratiche modalità di conduzione dei lavori del consiglio comunale.

I consiglieri comunali
Michele De Nittis
Antonio De Nittis
Antonio Federico Greco
Mario Michele Armando Cafiero

7 commenti:

Barabba ha detto...

questi si che sono consiglieri con gli attributi....cosa hanno fatto i consiglieri di opposizione della nostra città a riguardo della cementificazione della costa del villaggio dei pescatori??? La risposta...da noi sono tutti collusi....

michele u barose ha detto...

a manfredonia sono tutti d'accordo non esiste l'opposizione.

x i ragazzi del sito: la sapete l'ultima?

l'orologio del campanile è fermo, e da quel che ho sentito dire, pare che il comune non ha i soldi per pagare colui che metteva la carica all'orologio.

chissà se è vero, comunque l'orologio è fermo e nessuno dice niente.

Marco ha detto...

Certo ke c'è ne siamo accorti, è fermo dal 31 dicembre, presagio?, vedrete tra un pò tornerà a posto, la responsabilità non credo sia del comune, ma della curia, comunque indagheremo, grazie...

Mambredonje ha detto...

L’orologio del campanile è fermo dal 31 di dicembre…
Manfredonia è ferma da 50 anni!

Anonimo ha detto...

ho sentito dire che il comune non ha i soldi per pagare colui che dava la corda all'orologio del campanile

L'anticristo si è fermato a Manfredonia ha detto...

Ragazzi di Siponto Blog tenete duro..la democrazia a Manfredonia è morta. L'anticristo spesso si nasconde e si mostra buono e bello nelle apparenze..bisogna resistere ad oltranza contro il male che regna in questa Città!!

Il grande Burattinaio Sipontino ha detto...

Dopo aver cementificato la costa sipontina ora vogliono cementificare anche le Tremiti. Maledetti!

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.