ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

martedì 14 dicembre 2010

Parco del Gargano: Un anno fà, 7 capodogli morti sulle spiagge di Cagnano

Il Commissario Stefano Pecorella ha preso parte al convegno organizzato dall’associazione Vivilalaguna di Cagnano Varano, la quale ha voluto ricordare il triste episodio che ha visto sfortunati protagonisti 7 cetacei. Pecorella: “Quel patrimonio scientifico, didattico e museale che potrebbero rappresentare le carcasse dei sette cetacei non deve andare disperso. Dobbiamo puntare alla musealizzazione degli esemplari”

 Ieri presso il Centro Isola, sala sull’Istmo di Varano l’associazione neonata Vivilalaguna e dintorni ha organizzato una giornata di convegno per l’anniversario dell’infausto spiaggiamento dei capodogli avvenuto un anno fa- il 9 dicembre 2009- presso la costa garganica settentrionale. Alla manifestazione era presente anche il Commissario Straordinario dell’Ente Parco Stefano Pecorella, assieme al sindaco di Ischitella, Piero Colecchia e all’assessore al bilancio del Comune di Cagnano Varano Giovanni Conte. Sono intervenuti per la parte scientifica il Dr. Tommaso Scirocco , biologo CNR/ISMAR Lesina, “Spiaggiamento animali lungo la costa settentrionale del Gargano”; il Dr. Vincenzo Rizzi, presidente del Centro Studi Naturalistici Foggia ; il Dr. Antonio Petrella, dirigente veterinario dell’Unità Operativa Diagnostica dell’IZS della Puglia e Basilicata; Prof. Nicola Zizzo, Dipartimento di Sanità Pubblica e Benessere degli Animali, Università di Bari; Dr. Lazzaro Santoro, Comitato tutela del mare e il Dr. Enrico Salvatori, Confcommercio e Assoalbergatori.

E’ passato un anno ma ricordo precisamente quelle giornate. Il vento freddo tagliava la faccia e l’immagine di quei poveri 7 cetacei spiaggiati che lottavano contro il loro inevitabile destino. Rimarranno indelebile ricordo.- ricorda Pecorella- Ci siamo impegnati a fondo: Ministero dell’Ambiente, Comuni di Lesina e Cagnano Varano, Provincia, Prefettura ed Ente Parco del Gargano. Al di là delle competenze di ognuno, al tavolo tecnico che ho costituito, ho verificato la viva volontà di tutti di salvare i 7 capodogli. 
Purtroppo le avverse condizioni meteo-marine hanno impedito l’arrivo dei mezzi navali. Il resto della storia è stata caratterizzata dal progetto di sepoltura dei cetacei, realizzato in un terreno messo a disposizione da un’impresa che ha curato con encomiabile sforzo tutte le attività necessarie. 
Oggi, a distanza di un anno – afferma Pecorella – dobbiamo impegnarci, tutti, perché quel patrimonio scientifico, didattico e museale che potrebbero rappresentare le carcasse dei sette cetacei non vada disperso. 
Dobbiamo puntare alla musealizzazione degli esemplari mantenendone possibilmente esemplari in zona e monetizzando la vendita di esemplari presso altre strutture museali in Italia, così come ci è già stato richiesto. Bisogna costituire un tavolo tecnico come quello istituitosi durante l’emergenza. – conclude Pecorella – Perché non puntare ad un centro visite che diventi un polo di attrazione per tutte le scolaresche italiane e, quindi, anche un’importante risorsa territoriale per il turismo destagionalizzato che attrarrebbe. Se ne parla sempre tanto, questa sarebbe un’ottima occasione per rendere possibile tante dichiarazioni di intenti, rimaste solo tali”.

Ente Parco Nazionale del Gargano

0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.