ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

martedì 28 dicembre 2010

Manfredonia: Il film del giovane registra sipontino in anteprima alla città

Oggi 28 dicembre 2010, alle ore 17, sarà proiettato in prima visione, presso il CineTeatro ‘San Michele’, a Manfredonia, il film ‘Una vita nel mistero’ del regista sipontino Stefano Simone di cui vi abbiamo già parlato in un nostro precedente post, che potete visionare cliccando qui.

Si tratta del primo lungometraggio del giovane regista, Stefano Simone, autore di numerosi cortometraggi, girato quasi interamente a Manfredonia, e con alcune riprese a Pulsano, San Giovanni Rotondo e San Marco in Lamis, con il patrocinio dell'amministrazione comunale sipontina.

Il film, che dura 86 minuti, è stato girato in alta definizione a 24 fotogrammi al secondo in stile documentaristico. L'opera vanta un cast di attori tutti sipontini e vede nel ruolo dei protagonisti Tonino Pesante e Dina Valente.

Gli altri nomi: Francesco Granatiero (oncologo), Don Antonio D’Amico (sacerdote), Cosimo S. Del Nobile (barbone), Lello Castriotta (gallerista Andrea Bianchi in omaggio al regista di genere anni '70/'80), Amilcare Renato (fotografo), Grazia Orlando (commessa), Sabrina Caterino (infermiera), Fabio
Valente (frate), Adolfo Renato (frate), Teresa La Scala, Mattia Guerra (ragazza dal fotografo).

La storia racconta l’amore di una coppia borghese che travalica la vita terrena, i piccoli gesti di tenerezza del marito, la sofferenza della moglie per una grave malattia, la grande fede che unisce entrambi, gli eventi miracolosi che portano prima a una guarigione inspiegabile e poi alla morte della donna.

Soggetto e sceneggiatura a cura di Emanuele Mattana, con la consulenza di Gordiano Lupi e le musiche di Luca Auriemma. Costumista: Dora De Salvia.

Costo del biglietto: 3 euro.

0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.