ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

sabato 4 dicembre 2010

Manfredonia: 6^ Sagra della Pettola con l'ANTEAS

E' arrivata alla sesta edizione, la vera e unica Sagra della Pettola, da quando nel 2005, un gruppo di anziani, proveniente dalla FNP (Federazione Nazionale Pensionati) della Cisl, riunitosi in associazione come l'ANTEAS ( Associazione di promozione sociale per la terza età), hanno deciso di rinvigorire le vecchie tradizioni popolari, istituendo la Sagra della Pettola.
Da quel giorno ogni anno sorgono sempre tante iniziative volte ad imitare la manifestazione, che è diventata ormai un appuntamento fisso, per l'inizio dei festeggiamenti del natale, è atteso da tutti i sipontini, nel proseguo delle tradizioni locali.

Mercoledì 8 Dicembre, presso la villa comunale, la mattina dalle ore 10.00 alle 13.00, e il pomeriggio dalle ore 17.00 alle 22.00, si potranno gustare delle ottime pettole, fatte ad uso tradizionale, fritte in ottimo olio d'oliva e accompagnate da un assaggio di buon vino novello ad un prezzo simbolico.
L'associazione, si augura una sempre più massiccia folta partecipazione per contribuire sempre di più a fare beneficenza.

ANTEAS Manfredonia

1 commenti:

Raffaele ha detto...

E' importante che il percorso di promozione dei prodotti tipici locali sia garantito con continuità e professionalità e non con eventi sporadici. La pettola rappresenta solo uno dei tanti prodotti tipici natalizi nostrani, ci sono anche tanti dolci tradizionali ed unici che meritano attenzione per la valorizzazione del nostro patrimonio enogastronomico esclusivo e di antiche tradizioni da trasmettere alle giovani generazioni per far si che l'arte venga mantenuta nel tempo. La tradizione di un prodotto si lega senza ombra di dubbio al territorio ed una semplice sagra può diventare un'importante vetrina turistica territoriale.

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.