ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

venerdì 10 dicembre 2010

CC Manfredonia: Salvato un uomo in via Miramare dal compiere un gesto disperato

Gesti straordinari di quotidiana umanità. I Carabinieri della Compagnia di Manfredonia, costantemente impegnati in azione di prevenzione e repressione dei reati in un territorio difficile, sanno essere anche uomini di cuore, fedeli alla propria funzione di difesa e vicinanza al prossimo, con profondo senso del dovere, compiendo azioni che, a volte, trascendono i compiti che essi sono chiamati a svolgere.
Durante la mattinata, una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile interveniva su viale Miramare di Manfredonia, dove vari passanti avevano segnalato la presenza di un uomo che ormai da diverse ore sostava sulla costa rocciosa. 

Giunti sul posto, i militari individuavano l’uomo, in piedi vicinissimo all’acqua.
Si trattava di un quarantenne, M.L.N. di Monte Sant’Angelo, lì, quasi immobile, con lo sguardo perso nel vuoto, gli occhi lucidi, perso in una burrasca di pensieri.
I Carabinieri lo convincevano a seguirli ed uno di essi, sorreggendolo con un braccio, lo conduceva al sicuro sull’adiacente piazzale.
L’ uomo, un cittadino come tanti, onesto e sfortunato, percependo la rassicurante vicinanza dei due militi, tra le lacrime raccontava loro di aver perso il lavoro e di essere disperato per non poter fornire l’indispensabile sostentamento alla propria famiglia, in condizioni economiche disperate, priva persino del pane per la propria figliola di sette anni.

Gli operanti lo accompagnavano presso un vicino esercizio pubblico e ,dopo avergli offerto una bevanda calda, decisi, con umana sensibilità, ad aiutarlo ulteriormente, rendevano partecipi di quell’episodio due commercianti di Manfredonia i quali, anch’essi sensibili e generosi, offrivano un tangibile e concreto aiuto in denaro e generi alimentari. Poche cose forse, ma per M.L.N. quei generosi concittadini , in quel momento di grande disperazione, rappresentavano la speranza e la forza per andare avanti.
La “Gazzella” quindi lo accompagnava a casa, dove era ansiosamente atteso da moglie e figlia, preoccupatissime per la lunga assenza, protrattasi sin dalla sera precedente.
I militari, commossi, dopo aver regalato anch’essi alla famiglia una piccola somma denaro, riprendevano il loro normale servizio.
I servizi sociali competenti verranno interessati dal locale Comando CC, cosicchè possa essere fornito a M.L.N. e alla propria famiglia un concreto aiuto economico

Carabinieri
Comando di Manfredonia

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Io provo a immaginare come si senta un uomo di fronte la tenerezza disarmante di una figlia di 7 anni per la paura di non riuscire a comprarle il pane per sfamarla.
Cerchiamo di essere un pò più attenti ai disagi altrui.
Chi sta meglio doni a... chi sta peggio!

Anonimo ha detto...

Questa è una vergogna,non dovrebbe succedere nel 3° millennio,purtroppo di queste situazioni ne conosco molte ma quel che si fa è troppo poco e spesso non sufficiente ,ad aggravare la situazione di disagio c'è l'indifferenza altrui,ma possibile mai,i familiari spesso ciechi o volutamente bendati,gli "amici" vigliacchi ,i vicini timorosi come se questa possa essere una malattia contagiosa...........
Basta con l'indifferenza,come fate a vivere in questo modo,che coscienza avete,riuscite a dormire tranquilli la notte ? bè siete gravi !!!
Anche voi facente parte di quella categoria di persone agiate basta con i doppi e tripli stipendi tra l'altro manco meritati,fate posto a chi non ha un lavoro,siete anche voi responsabili di questo fenomeno,togliere il pane ad altre famiglie è una cosa grave ma ovviamente voi vi preoccupate ad andare in giro con la Cayenne altrimenti siete fuori dall'elite.
Umiltà e carità rende la gente nobile non i soldi e la sete di potere.
Apriamo gli occhi gente ,queste situazioni possono toccare a chiunque di noi anche se ci sentiamo sicuri della nostra situazione economica,un piccolo gesto di fraternità non solo economico ma anche di sostegno morale e sociale può aiutare chi si trova in situazioni di disagio a capire che non è solo,i ragazzi quanti soldi buttano per lo sballo ogni fine settimana,sono tutti soldi che togliete alla gente che non può,sappiatelo !!!!
Siamo tutti responsabili di ciò che ci accade intorno ,ne dovremo dare conto un giorno ..................

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.