ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

sabato 27 novembre 2010

GdF Manfredonia: Sequestrato 530 kg di novellame di alici (bianchetto)

I militari della tenenza della Guardia di Finanza di Manfredonia (Fg), all’esito di specifici controlli, hanno deferito all’autorita’ giudiziaria una persona del luogo, trovata in possesso di kg. 530 circa di novellame di alici c.d. “bianchetto” suddiviso in piu’ di 100 cassette in polistirolo, trasportato su di un autoveicolo commerciale nel pomeriggio del 24.11.2010 un’importante operazione mirata alla repressione degli illeciti in materia di pesca e commercializzazione di “novellame”, e’ stata condotta da militari appartenenti alla tenenza di Manfredonia.
Tale attivita’ anche in linea con quanto stabilito dal regolamento emanato dalla ce nr. 973 del 14.05.2001 in cui individua le misure dei suddetti esemplari ittici di cui e’ espressamente vietata la pesca, la detenzione il trasporto e la commercializzazione di qualunque specie vivente marina, ai sensi degli artt. 15, comma 1 lettera c) legge 963/14.07.1965, recante “disciplina della pesca marittima”.

L' attivita’ di contrasto e’ particolarmente intensificata in tale periodo di “divieto” essendo la richiesta di “novellame” notevole da parte di industrie conserviere nonche’ di ristoratori vari.
L’operazione segna un deciso taglio al fenomeno, forse troppo abusato da parte di pescatori e commercianti senza scrupoli, che pur di arricchirsi sono disposti a razziare e di conseguenza depauperare le risorse ittiche incuranti del rispetto dell’ambiente marino del Parco Nazionale del Gargano.
Il novellame posto sotto sequestro, per un valore commerciale di €. 8.000 e’ stato in parte devoluto in beneficenza ad associazioni di volontariato sociale, come disposto dall’a.g. competente ed in parte distrutto.

  • una persona e’ stata deferita all’a.g. per violazione art. 15 legge 963/65
Guardia di Finanza
Comando di Manfredonia

0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.