ATTENZIONE!!! Problemi e malfunzionamenti con la TV Digitale Terrestre, per info e spiegazioni, Digitale Terrestre Manfredonia, cliccando qui!

martedì 17 agosto 2010

Gran Concerto lirico sinfonico per ricordare Pavarotti - Foto e Video

Una piazza gremita e assorta, quella che ha assistito al Gran Concerto lirico sinfonico in ricordo di Luciano Pavarotti.
A esibirsi sul palco Antonella Tegliafilo (soprano), Francesca Cappelletti (soprano), Luigi Cirillo (baritono), Francesco Ellero D’Artegna (basso), Domenico Tegliafilo (tenore) e Simona Todaro (soprano), tutti allievi del maestro Pavarotti, accompagnati dall’Orchestra Sinfonica ‘Umberto Giordano’ di Foggia, diretta dal m° Giuseppe Acquaviva.
Il concerto è stato momento clou dell’evento ‘Ricordando il maestro Luciano Pavarotti’, fortemente voluto dal sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi e organizzato in collaborazione con la ‘Fondazione Pavarotti’ e l’International Association ‘Canto e Musica’.

Dopo il Preludio tratto dalla ‘Carmen’ di Bizet, la serata è stata un crescendo di emozioni sulle note del ‘Don Giovanni’ di Mozart, con incursioni nella ‘Tosca’ di Puccini, intermezzi tratti dalla ‘Cavalleria Rusticana’ di Mascagni.
E mentre ‘lucean le stelle’, applausi accorati accoglievano le esibizioni alternate dei cantanti, fino all’exploit finale del ‘Libiamo ne’ lieti calici’, che ha chiuso il concerto con richiesta di bis.
Una serata preziosa, presentata con garbo nell’incantevole cornice di Piazza Giovanni XXIII che, in un afflato corale di consensi ed esortazioni, ha confortato l’Amministrazione comunale e la ‘Fondazione Pavarotti’ a proseguire sulla strada della cultura e dell’arte.

“La casa di Pavarotti vuole continuare a essere la casa dei giovani, di cui il maestro ha coltivato la voce, gli entusiasmi, ha avvertito i timori ma anche l’impegno e l’umiltà di chi cerca di mettersi in gioco”, ha commentato la signora Nicoletta Mantovani, presidente della Fondazione intitolata al grande tenore, salita sul palco alla fine del concerto insieme al sindaco Riccardi, “un sindaco da encomiare, perché crede nella forza costruttiva della musica e di iniziative come questa”.



0 commenti:

Posta un commento

Censurare i commenti non fa parte della nostra politica, l'importante è mantenere un linguaggio pulito e consono, senza ledere e/o offendere la dignità altrui.